Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La CE rilascia l'autorizzazione di vendita per il INLYTA di Pfizer al cancro del rene dell'ossequio

Pfizer Inc. ha annunciato oggi che la Commissione Europea (EC) ha rilasciato l'autorizzazione di vendita per INLYTA® (axitinib) per il trattamento dei pazienti adulti con cancro del rene avanzato (RCC), un tipo di cancro del rene, dopo errore del trattamento priore con sunitinib o una citochina.    

INLYTA, un inibitore della chinasi, è una terapia orale che è stata destinata per inibire selettivamente i ricevitori endoteliali vascolari 1 (VEGF), 2 e 3 di fattore di crescita, che sono proteine che possono influenzare la crescita del tumore, l'angiogenesi vascolare e la progressione di cancro (tumore sparso).

“INLYTA offre i medici ed i loro pazienti con il cancro avanzato del rene una nuova opzione del trattamento che segue il trattamento priore con il sunitinib o una citochina. INLYTA dato dimostrano statisticamente significativo miglioramento in progressione libero sopravvivenza rispetto a sorafenib e supportano continuato ruolo per VEGFR-mirato a terapia, dopo il livello di cura prima linea, SUTENT,„ ha detto il Dott. Bernard Escudier, capo dell'unità di immunoterapia, dipartimento di oncologia medica, Institut Gustave Roussy, Francia, che ha servito da ricercatore su questa lo studio Pfizer-patrocinato ed è un consulente pagato presso l'oncologia di Pfizer.  

L'approvazione è basata sui dati dalla prova di ASSE di fase 3, che ha dimostrato che INLYTA ha esteso significativamente la sopravvivenza libera di progressione (PFS) [HR=0.67, 0.56-0.81, P<0.0001] con un PFS mediano di 6,8 mesi (ci di 95%: 6,4, 8,3) rispetto a 4,7 mesi (ci di 95%: 4,6, 6,3) per quelli trattati con sorafenib, un livello del secondo line di cura corrente per questa popolazione paziente, rappresentante un miglioramento di 45 per cento in PFS mediano confrontato a sorafenib. Il cancro del rene è la sesta causa principale della morte in relazione con il Cancro. Alla diagnosi, approssimativamente un terzo dei malati di cancro del rene avrà avanzato la malattia, dove il cancro si è sparso alle parti del corpo multiple e la prognosi è povera. L'incidenza di RCC in Europa è 102,000 persone all'anno. Fra 40 e 65 per cento dei pazienti universalmente chi il progresso che segue la terapia prima linea continua a ricevere un trattamento del secondo line.   

“Siamo deliziati con la decisione della Commissione Europea per approvare INLYTA per i pazienti di RCC avanzati adulto di cui la malattia ha progredito dopo errore di SUTENT o di una citochina. L'oncologia di Pfizer riconosce RCC avanzato è una malattia complessa e siamo commessi a portare le nuove medicine mirate a ai medici ed i loro pazienti,„ ha detto il Dott. Andreas Penk, Presidente regionale di Europa per la divisione di affari dell'oncologia di Pfizer. “INLYTA è un'aggiunta apprezzata al portafoglio di Pfizer per il trattamento di RCC avanzato, che include SUTENT e TORISEL® (temsirolimus).„

Source:

Pfizer Inc.