Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La pubblicità può aumentare il consumo della verdura e della frutta fra la gente

Il tasto a convincere la gente a mangiare più frutta e verdure può annunciare, trova un nuovo studio nel giornale americano della promozione della salute. La vendita sembra svolgere un ruolo in gente guidante per mangiare migliore, ha detto il co-author Michel Faupel di studio, dell'università di Arkansas. “Non è enorme, ma è un impatto misurabile.„

I ricercatori si sono domandati se ci fosse qualunque differenza nel consumo della verdura e della frutta fra gli stati con i programmi di commercializzazione agricoli e quelli senza. Corrente, dozzine di stati supportano la pubblicità, l'imballaggio e le visualizzazioni della in-memoria che promuovono i prodotti freschi ai consumatori, a molte frutta coltivate sul posto di promozione ed alle verdure. Nell'Arkansas, per esempio, le visualizzazioni alle memorie di Walmart avvisi i clienti alle patate dolci che si sono sviluppate nello stato, Faupel ha detto.

Lo studio ha esaminato i risultati delle indagini tenute nel 2000 e 2005 di 237,320 persone negli Stati Uniti, chiedendo ai partecipanti riguardo alle loro abitudini alimentari. Negli stati che hanno adottato le campagne di marketing durante questo calendario, la percentuale di coloro che ha riferito hanno mangiato almeno cinque servizi delle frutta e delle verdure al giorno--l'importo raccomandato--ha coltivato 24 per cento - 26,5 per cento.

La differenza più notevole era in donne: Negli stati senza campagne di marketing, la percentuale che si è incontrata la linea guida cinque un giorna è caduto da 27 per cento a 26,1 nel corso dei cinque anni, ma ha coltivato 27,6 per cento - 30,1 per cento fra quelli con i programmi. “Durante il periodo quando il consumo dei prodotti freschi stava diminuendo nazionalmente, gli stati che hanno avuti questi programmi non hanno seguito la tendenza nazionale,„ Faupel ha detto. “Invece il loro consumo dei prodotti ha restato il livello o è aumentato leggermente.„

Harry Kaiser, Ph.D., un professore dell'economia applicata e gestione alla Cornell University, ha detto che i risultati di studio sono simili a quelli della sua propria ricerca sul valore dei programmi di commercializzazione dei prodotti. “Quando esaminiamo tutto l'ordinamento della pubblicità delle merci generali, hanno generalmente un impatto positivo. Ma sono abbastanza secondari,„ ha detto.

Così sono questi programmi redditizi? Kaiser pensa così, in base ai suoi studi sui programmi dell'industria per promuovere le vendite delle cose come le noci, l'uva passa, il manzo ed il latte. “Da un punto di vista di industria,„ ha detto, “non dovete avere un impatto gigantesco affinchè foste proficuo.„

Source:

American Journal of Health Promotion