Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La morfina inibisce la proteina di BDNF, mentre la cocaina migliora BDNF

L'esposizione cronica della morfina ha l'effetto opposto sul cervello confrontato a cocaina in mouse, fornenti la nuova comprensione nella base di dipendenza del narcotico, secondo i ricercatori della scuola di medicina di monte Sinai. Hanno trovato che una proteina chiamata cervello-ha derivato il fattore neurotrophic (BDNF), che è aumentato di cocainomania, sono inibiti nella dipendenza dell'opioide. La ricerca è pubblicata nell'emissione del 5 ottobre di scienza.

“Il nostro studio indica che BDNF risponde completamente diversamente con l'amministrazione dell'opioide confrontata a cocaina,„ ha detto Ja Wook Koo, il PhD, collega postdottorale nel dipartimento della neuroscienza alla scuola di medicina di monte Sinai. “La morfina crea la ricompensa inibendo BDNF, mentre la cocaina agisce migliorando l'attività di BDNF.„

BDNF è chiave a parecchie funzioni nel cervello e nel sistema nervoso periferico, considerevolmente per la fabbricazione delle cellule nervose nuove e l'aiuto della sopravvivenza di quelle esistenti. Egualmente è conosciuto per attivare i centri della ricompensa nel cervello. La cocaina causa un aumento in presenza di BDNF in un centro della ricompensa del cervello chiamato il nucleus accumbens, che provoca l'attivazione del centro della ricompensa.

Nello studio corrente, il gruppo di ricerca ha trovato che la morfina sopprime BDNF in un centro differente della ricompensa del cervello conosciuto come l'area tegmental ventrale (VTA), per raggiungere la ricompensa e la dipendenza cronica. La morfina ha causato uno svuotamento di BDNF nel VTA dei mouse, che hanno attivato i centri della ricompensa. Tuttavia, quando BDNF è stato amministrato al VTA dei mouse, ha inibito quella ricompensa. Quando BDNF è stato amministrato al nucleus accumbens, non c'era ricompensa.

Quando i ricercatori hanno analizzato dai i cambiamenti indotti da morfina nell'espressione genica nel nucleus accumbens, l'area del cervello in cui la morfina non ha causato ricompensa o risposta essi ha trovato che due geni, sox11 e gadd45g, hanno mediato la risposta del cervello a morfina, impedendo tutte le ricompensa e dipendenza.

“Questo studio fornisce la comprensione importante nella base molecolare per morfinomania ed è il primo per indicare che BDNF è un modulatore negativo in cervello, particolarmente nella dipendenza dell'opioide, a differenza di dipendenza dello stimolante,„ ha detto il Dott. Koo. “Mentre ulteriore ricerca è necessaria, i geni che abbiamo identificato possono essere obiettivi utili nell'impedire la dipendenza.„ La continuazione studiare la risposta counteractive di BDNF in morfina rispetto a cocaina può anche aiutare i ricercatori a determinare come l'uso della poli-droga può urtare il cervello.

Il Dott. Koo fa parte del Eric Nestler, MD, laboratorio di PhD alla scuola di medicina di monte Sinai. Il Dott. Nestler è il professore della famiglia di Nash e la presidenza della neuroscienza ed il Direttore dell'istituto del cervello di Friedman al monte Sinai. Gli studenti nella scuola post-laurea di monte Sinai delle scienze biologiche egualmente hanno partecipato alla ricerca, compreso il Sun di Haosheng e Diane Damez-Werno.

Questo studio è stato supportato dalle concessioni dall'istituto nazionale su abuso di droga e da un Rubicon Grant dall'organizzazione scientifica olandese.

Source:

 The Mount Sinai Medical Center