Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Cannabis ed il sistema del endocannabinoid: un'intervista con Dott. Leonora Long

IMMAGINE dell

Potreste descrivere prego che cosa effettua le cannabis ha sull'organismo?

La cannabis ha sia effetti fisici che comportamentistici. La gente che usando le cannabis può avvertire le sensibilità di euforia (benessere), di fame, della sonnolenza, dei problemi con coordinamento di motore ed a volte delle sensibilità di ansia e di paranoia.

Come la cannabis agisce sul cervello?

I prodotti chimici nell'attaccatura dell'impianto della cannabis alle proteine nel cervello hanno chiamato i ricevitori1 di CB. I ricevitori1 dei CB sono posizionati sulle celle nel cervello chiamato neuroni. Le funzioni normali del cervello, come la memoria ed il processo decisionale, contano su questi neuroni che comunicano a vicenda ed i ricevitori1 dei CB aiutano a ` regolano' questa comunicazione. Così se l'attaccatura dei composti della cannabis a questi ricevitori1 dei CB, essi può interrompere il regolamento normale della comunicazione nel cervello.

Potreste fare prego una breve introduzione al sistema del endocannabinoid?

L'organismo fa i sui propri prodotti chimici del tipo di cannabis, chiamati endocannabinoids. Questi endocannabinoids agiscono come i messaggeri fra le celle dell'organismo. Nel cervello, attaccatura dei endocannabinoids ai ricevitori1 dei CB posizionati sui neuroni per modificare il modo che i neuroni comunicano a vicenda.

Le proteine specializzate hanno chiamato la guida degli enzimi per fare i messaggeri del endocannabinoid quando sono necessarie ed altri enzimi suddividono i endocannabinoids quando più non sono richiesti. Insieme, i messaggeri del endocannabinoid, i ricevitori che fissano a e questi enzimi specializzati compongono il sistema del endocannabinoid.

Come fa il cambiamento di sistema del endocannabinoid durante l'adolescenza?

Abbiamo esaminato come il sistema del endocannabinoid si sviluppa nel cervello attraverso la durata della vita umana dai neonati agli adulti. Abbiamo trovato che alcuno della maggior parte del cambio spettacolare accade nell'adolescenza. Vediamo che la capacità del cervello di fare i ricevitori1 dei CB è diminuire, rispetto a vita molto in anticipo in cui questa capacità è molto alta. D'altra parte, uno degli enzimi che contribuisce a fare i messaggeri del endocannabinoid è più alto ad adolescenza che è in toddlerhood o nell'età adulta, suggerente che ci sia ancora una grande necessità per questi messaggeri di aiutare con la comunicazione nel cervello.

Può usando la cannabis durante l'adolescenza interrompere questi cambiamenti?

Durante l'adolescenza, il cervello sta provando alla cassapanca' stessa del `, a raggiungere il bilanciamento giusto nella comunicazione fra i neuroni. Ciò è cruciale per la transizione dall'adolescente a comportamento adulto. Per esempio, il comportamento rischioso comune in adolescenti è meno prominente prima che una persona sia nei loro mezzo anni venti. Poiché il sistema del endocannabinoid è una parte del trattamento tramite cui il cervello salda la sua comunicazione e poiché sembra lavorare molto duro per scolpire queste connessioni durante l'adolescenza, l'esposizione alla cannabis attualmente potrebbe avere un più alto impatto che nell'età adulta, quando le connessioni del cervello sono più stabili.

Potreste spiegare prego come la vostra ricerca ha mostrato che quella facendo uso della cannabis durante l'adolescenza può avere conseguenze per lo sviluppo dei cervelli sani in adulti?

Bene, non abbiamo studiato l'impatto di uso della cannabis sulle molecole che abbiamo studiato nei campioni del cervello, poiché i campioni sono venuto dalla gente che non era stata esposta alla cannabis. Tuttavia, conoscendo che cosa sta accadendo in questi campioni sani del cervello è molto utile, poiché ci dà un confronto per gli esperimenti futuri che esaminano come il sistema del endocannabinoid è cambiato nei cervelli della gente con le malattie come la schizofrenia, per esempio.

Che impatto pensate la vostra ricerca avete?

Conosciamo quella gente che utilizzano la cannabis, specialmente più presto nella vita, siamo al maggior rischio di sviluppare le malattie come la schizofrenia e di inizio più iniziale di queste malattie. Inoltre vediamo che nei cervelli della gente con la schizofrenia, ci sono cambiamenti nelle molecole del sistema del endocannabinoid. Così, se possiamo capire che cosa va male nei reticoli inerenti allo sviluppo normali che abbiamo identificato, possiamo guardare verso le strategie di sviluppo del trattamento che impediscono o modificano i cambiamenti nella schizofrenia, che può contribuire ad alleviare i sintomi della malattia.

Come fa il danno che le cause della cannabis confrontano al danno hanno causato dall'alcool e da altre droghe?

L'alcool, la cannabis ed altra droga tutto esercitano i loro effetti nei modi diversi, poiché fissano alle molecole differenti nell'organismo. Le dimensioni degli effetti nocivi di tutta la droga dipendono dalla persona e quanto tempo e quanto uso della droga ha accaduto. Ancora non conosciamo i meccanismi completi da cui la cannabis causi i sui effetti nocivi, ma gli studi finora indicano che gli effetti negativi dell'esposizione della cannabis, quali i problemi con interazione e la memoria sociali, possono essere dovuto i cambiamenti in determinate proteine nel cervello.

Dove possono i lettori trovare più informazioni?

Il mio ultimo documento in neuroscienza di BMC: http://www.biomedcentral.com/content/pdf/1471-2202-13-87.pdf

La nostra pagina del gruppo di ricerca a http://www.neura.edu.au

Il blog di NeuRA: http://blog.neura.edu.au

Circa Dott. Leonora Long

IMMAGINE lunga di Leonora GRANDELeonora è un ufficiale della ricerca con il gruppo di Shannon Town Weickert a ricerca Australia nella neuroscienza. Il suo lavoro combina la neurobiologia e la farmacologia inerenti allo sviluppo del endocannabinoid per determinare il ruolo dei fattori genetici ed ambientali nel causare la schizofrenia. Leonora ha cominciato la vita professionale come farmacista, praticante nella farmacia della comunità e dell'ospedale e specializzantesi in psichiatria e farmacoterapia di dipendenza. L'edilizia su questi interessi, il suo PhD (Monash University 2006) ha studiato gli effetti dei leganti di cannabinoido gating sensorimotorio e sulle sue componenti molecolari in roditori. Il suo lavoro postdottorale ha messo a fuoco sugli effetti neurobehavioural di THC e del cannabidiol, due composti della cannabis, in un modello genetico del mouse dei sintomi della schizofrenia. Corrente sta studiando come il sistema del endocannabinoid si sviluppa nel cervello umano normale e come la mutazione in un gene di rischio della schizofrenia, in neuregulin 1, negli impatti sullo sviluppo dei geni, in proteine e nei comportamenti si è associata con la schizofrenia.

April Cashin-Garbutt

Written by

April Cashin-Garbutt

April graduated with a first-class honours degree in Natural Sciences from Pembroke College, University of Cambridge. During her time as Editor-in-Chief, News-Medical (2012-2017), she kickstarted the content production process and helped to grow the website readership to over 60 million visitors per year. Through interviewing global thought leaders in medicine and life sciences, including Nobel laureates, April developed a passion for neuroscience and now works at the Sainsbury Wellcome Centre for Neural Circuits and Behaviour, located within UCL.

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    Cashin-Garbutt, April. (2018, August 23). Cannabis ed il sistema del endocannabinoid: un'intervista con Dott. Leonora Long. News-Medical. Retrieved on October 20, 2021 from https://www.news-medical.net/news/20121015/Cannabis-and-the-endocannabinoid-system-an-interview-with-Dr-Leonora-Long.aspx.

  • MLA

    Cashin-Garbutt, April. "Cannabis ed il sistema del endocannabinoid: un'intervista con Dott. Leonora Long". News-Medical. 20 October 2021. <https://www.news-medical.net/news/20121015/Cannabis-and-the-endocannabinoid-system-an-interview-with-Dr-Leonora-Long.aspx>.

  • Chicago

    Cashin-Garbutt, April. "Cannabis ed il sistema del endocannabinoid: un'intervista con Dott. Leonora Long". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20121015/Cannabis-and-the-endocannabinoid-system-an-interview-with-Dr-Leonora-Long.aspx. (accessed October 20, 2021).

  • Harvard

    Cashin-Garbutt, April. 2018. Cannabis ed il sistema del endocannabinoid: un'intervista con Dott. Leonora Long. News-Medical, viewed 20 October 2021, https://www.news-medical.net/news/20121015/Cannabis-and-the-endocannabinoid-system-an-interview-with-Dr-Leonora-Long.aspx.