Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

CLR01 efficacemente inibisce lo synaptotoxicity in mouse con Alzheimer

Nel marzo scorso, i ricercatori al UCLA hanno riferito lo sviluppo di un composto molecolare chiamato CLR01 che ha impedito le proteine tossiche connesse con la malattia del Parkinson legare insieme e l'uccisione dei neuroni del cervello.

Edilizia su quei risultati, ora hanno rivolto la loro attenzione al morbo di Alzheimer, che probabilmente è causato una simile aggregazione tossica o agglutinandosi, ma con differenti proteine, particolarmente amiloide-beta e tau.

E che cosa hanno trovato sono incoraggianti. Facendo uso dello stesso composto, che hanno definito “una pinzette molecolare,„ in un modello vivente del mouse di Alzheimer, i ricercatori hanno dimostrato per la prima volta che il composto ha attraversato sicuro la barriera ematomeningea, rimossa cumuli attuali di tau e i amiloide-beta ed anche risultato essere protettivi alle sinapsi dei neuroni - un altro obiettivo della malattia - quale permettono che le celle comunichino tra loro.

Il rapporto compare nell'edizione online corrente del cervello del giornale.

“Questa è la prima dimostrazione che le pinzette molecolari funzionano in un modello animale mammifero,„ ha detto il gallone Bitan, un professore associato della neurologia al UCLA e l'autore senior dello studio. “D'importanza, nessun segno della tossicità è stato osservato nei mouse trattati. I risultati della tossicità e di efficacia supportano il meccanismo di questa pinzette molecolare e che suggeriscono che questi stiano promettendo i composti per le terapie dimodificazione di sviluppo per il morbo di Alzheimer, Parkinson ed altri disordini.„

Le pinzette molecolari sono composti molecolari complessi capaci dell'associazione ad altre proteine. A forma di come la lettera “C,„ questi composti avvolgono le catene di lisina, un amminoacido di base che è un componente della maggior parte delle proteine. Bitan ed i suoi colleghi, compreso Aida Attar, primo autore dello studio e un dottorando nel laboratorio di Bitan, stanno funzionando con una pinzette molecolare particolare chiamata CLR01.

In collaborazione con gli scienziati al Universit- Cattolica a Roma, i ricercatori, lavoranti in primo luogo nelle colture cellulari, trovate che CLR01 efficacemente ha inibito un trattamento conosciuto come lo synaptotoxicity, in cui i mucchi di danno tossico dell'amiloide o distruggono le sinapsi di un neurone.

Anche se le sinapsi in mouse transgenici con Alzheimer possono interrompere ed i mouse possono perdere la loro memoria, sopra il trattamento, essi formano le nuove sinapsi e riacquistano le loro abilità di memoria e dell'apprendimento.

“Per gli esseri umani, purtroppo, la situazione è perché i neuroni muoiono gradualmente nel morbo di Alzheimer,„ Bitan più problematico ha detto. “Ecco perché dobbiamo cominciare trattare prima possibile. Le buone notizie sono che le pinzette molecolari sembrano avere un alto margine di sicurezza, in modo da possono essere adatte a trattamento profilattico che comincia molto prima dell'inizio della malattia.„

Dopo, facendo uso “di un contrassegno radioattivo,„ i ricercatori potevano confermare che il composto aveva attraversato la barriera ematomeningea del mouse ed erano efficaci nella rimozione del cervello cumuli di tau e di amiloide-beta.

“Questo lavoro indica che le pinzette molecolari fanno una serie di cose - contribuiscono a migliorare le funzionalità patologiche multiple di Alzheimer, compreso le placche dell'amiloide, i grovigli neurofibrillary e l'infiammazione del cervello ed i nostri esperimenti della coltura cellulare hanno dimostrato che le pinzette molecolari bloccano l'effetto tossico di amiloide-beta su integrità e sulla comunicazione sinaptiche,„ Bitan hanno detto.

“Chiamiamo queste pinzette uniche “trattamento-specifiche, “piuttosto che gli inibitori proteina-specifici comuni,„ ha aggiunto, significando gli attacchi del composto soltanto i cumuli tossici mirati a ed i trattamenti di organismo non normali. “Che è un gran cosa, perché contribuisce a confermare la prova che le pinzette molecolari possono essere utilizzate sicuro, infine supportando il loro sviluppo come terapia per gli esseri umani.„

Il punto seguente, Bitan spera, è di confermare che le pinzette migliorino la memoria e non appena la patologia del cervello. I ricercatori dicono che stanno lavorando a questo problema e già hanno dati preliminari incoraggianti.