Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il ricercatore di tau connette le comunicazioni e la psicosi del computer

Mentre l'accesso Internet è sempre più diffuso, così faccia le psicopatologie relative quali dipendenza da Internet e delirii relativi alla tecnologia ed alle relazioni virtuali. Le comunicazioni del computer quale Facebook ed i gruppi di chat sono una parte importante di questa storia, dice il Dott. Uri Nitzan della facoltà del Sackler dell'università di Tel Aviv di medicina e del centro mentale di sanità di Shalvata in un nuovo documento pubblicato nel giornale dell'Israele della psichiatria e delle scienze riferite.

Nel suo studio, il ricercatore ha presentato tre studi finalizzati approfonditi che collegano gli episodi psicotici alle comunicazioni di Internet dalla sua propria pratica. Secondo il Dott. Nitzan, i pazienti hanno diviso alcune caratteristiche cruciali, compreso solitudine o la vulnerabilità dovuto la perdita di o la separazione da un caro, l'inesperienza relativa con la tecnologia e nessuna cronologia priore di psicosi o di abuso di sostanza. In ogni caso, una connessione è stata trovata fra lo sviluppo e l'esacerbazione graduali dei sintomi psicotici, compreso i delirii, l'ansia, la confusione e l'uso intensificato delle comunicazioni del computer.

Le buone notizie sono che tutti pazienti, che hanno cercato disposto il trattamento da sè, potevano fare un ripristino completo con il trattamento e la cura adeguati, il Dott. Nitzan dicono.

Dietro lo schermo

Internet è uno spazio libero e liberale che molte persone usano su base giornaliera e una parte crescente di una vita sociale normale. Ma mentre le tecnologie quale Facebook presentano i numerosi vantaggi, alcuni pazienti sono danneggiati da questi siti della rete sociale, che possono attirare coloro che è solo o vulnerabile nelle loro vite quotidiane o fungere da piattaforma per il cyberbullismo e l'altro comportamento predatore.

Tutti e tre le dei pazienti del Dott. Nitzan hanno cercato il rifugio da una situazione sola ed hanno trovato il conforto nelle relazioni virtuali intense. Sebbene queste relazioni siano inizialmente positive, finalmente piombo alle sensibilità della ferita, del tradimento e della violazione del segreto, il Dott. Nitzan di rapporti. “Tutti pazienti hanno sviluppato i sintomi psicotici relativi alla situazione, compreso i delirii per quanto riguarda la persona dietro lo schermo e la loro connessione tramite il computer,„ dice. Due pazienti hanno cominciato a sentirsi vulnerabili come conseguenza della divisione delle informazioni private ed anche delle allucinazioni tattili sperimentate una, credenti che la persona oltre lo schermo stesse toccandola fisicamente.

Alcune delle funzionalità problematiche di Internet si riferiscono alle emissioni di deformazione geografica e spaziale, dell'assenza di indicazioni non verbali e della tendenza idealizzare la persona con cui qualcuno sta comunicando, diventante intima senza mai incontrarsi faccia a faccia. Tutti questi fattori possono contribuire alla rottura di un paziente con la realtà ed allo sviluppo di uno stato psicotico.

Un paesaggio sociale cambiante

Il Dott. Nitzan ed i suoi colleghi pianificazione effettuare la ricerca più approfondita su Facebook, studiante le funzionalità e le applicazioni che hanno il potenziale di nuocere emozionalmente ai pazienti o di permettere ai pazienti di causare il danno emozionale ad altri. Alcuni pazienti psicotici usano Internet per disturbare la gente, abusante la loro capacità di interagire anonimo, dice.

Poiché i media sociali ora sono una tal parte importante di nostra cultura, i professionisti di salute mentale non dovrebbero trascurare la loro influenza quando parla ai pazienti, consulenti legali del Dott. Nitzan. “Quando chiedete a qualcuno riguardo alla loro vita sociale, è molto ragionevole chiedere notizie su uso abitudini della rete sociale e di Facebook come pure di Internet. Come il comportamento stessi della gente su Internet è abbastanza importante agli psichiatri, che non dovrebbero trascurare questa dimensione dei reticoli di comportamento dei loro pazienti.„