La vitamina D può contribuire ad impedire la carie dentaria

Un nuovo esame degli studi esistenti si dirige verso un ruolo potenziale per la vitamina D nel contribuire ad impedire la carie dentaria, o la carie dentaria.

L'esame, pubblicato nell'emissione di dicembre degli esami di nutrizione, ha compreso 24 test clinici gestiti, misuranti gli anni 20 agli anni 80, su circa 3.000 bambini in parecchi paesi. Queste prove hanno indicato che la vitamina D è stata associata con i circa 50 per cento di riduzione dell'incidenza di carie dentaria.

“Il mio obiettivo principale era di riassumere il database di test clinico in modo che potessimo dare un'occhiata fresca a questo problema di vitamina D,„ ha detto il Dott. Philippe Hujoel dell'università di Washington, che ha effettuato l'esame.

Mentre il ruolo della d della vitamina nella salubrità supportante dell'osso non è stato disputato, il disaccordo significativo è esistito storicamente sopra il suo ruolo nell'impedire la carie, Hujoel ha notato. American Medical Association ed il Consiglio nazionale delle ricerche degli Stati Uniti hanno concluso verso il 1950 che la vitamina D era utile nella gestione della carie dentaria. L'associazione dentaria americana ha detto altrimenti - basato sulla stessa prova. Nel 1989, il Consiglio nazionale delle ricerche, malgrado i vantaggi del carie-combattimento della d supportante della vitamina di nuova prova, ha chiamato l'emissione “irrisolta.„

Rassegne correnti tramite l'istituto di medicina, il dipartimento degli Stati Uniti delle sanità e del servizio ed il tiraggio dentario americano di associazione nessun conclusioni sulla prova di vitamina D come si riferisce alla carie dentaria.

“Tali conclusioni contradditorie dalle organizzazioni differenti non hanno molto significato ad una da una prospettiva basata a prova,„ Hujoel ha detto. Le prove ha esaminato i livelli aumentati di vitamina D in bambini con l'uso di radiazione UV supplementare o completando la dieta dei bambini con l'olio di fegato di merluzzo o altri prodotti che contiene la vitamina.

I test clinici che ha esaminato sono stati condotti negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, nel Canada, in Austria, in Nuova Zelanda ed in Svezia. Le prove sono state condotte nelle impostazioni istituzionali, banchi, pratiche mediche e dentarie, o ospedali. Gli oggetti erano bambini o giovani adulti fra le età di 2 e 16 anni, con un'età media pesata di 10 anni.

I risultati di Hujoel non sorprendono ai ricercatori esperti con gli studi passati di vitamina D. Secondo il Dott. Michael Hollick, professore di medicina al centro medico di Boston University, “i risultati dall'università di Washington riaffermano l'importanza della vitamina D per salubrità dentaria.„ Ha detto che quello “i bambini che sono vitamina D carente hanno povero e l'eruzione di denti in ritardo e sono a carie dentarie inclini.„

Le prese di domanda di vitamina D sulla maggior importanza alla luce della salute pubblica corrente tende. I livelli di vitamina D in molte popolazioni stanno diminuendo mentre i livelli della carie dentaria in bambini piccoli stanno aumentando.

“Se questo è più di appena una coincidenza è aperta al dibattito,„ Hujoel ha detto. “Nel frattempo, le donne incinte o le giovani madri possono arrecare pochi danni rend contoere che la vitamina D è essenziale alla salubrità della loro prole. La vitamina D piombo ai denti ed alle ossa che sono mineralizzati meglio.„

Hujoel ha aggiunto una nota dell'avvertenza ai suoi risultati: “Si deve stare attento con l'interpretazione di questo esame sistematico. Le prove hanno avute debolezze in grado di influenzare il risultato e la maggior parte dei partecipanti di prova hanno vissuto in un'era che differisce profondo dall'odierno ambiente. „