Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Studio: Il trattamento discutibile per disordine di spettro di autismo può essere nocivo

Un trattamento discutibile per disordine di spettro di autismo (ASD) è non solo inefficace ma può essere nocivo, secondo gli studi intrapresi dai ricercatori di Baylor University.

Il trattamento, conosciuto come chelazione, tenta di eliminare i metalli quale mercurio dall'organismo.

“Le sostanze chimiche utilizzate nel trattamento di chelazione hanno una miriade degli effetti secondari potenzialmente seri quale febbre, vomitante, l'ipertensione, ipotensione, le aritmia cardiache e il hypocalcemia, che possono causare l'arresto cardiaco,„ hanno detto Tonya N. Davis, Ph.D., assistente universitario della psicologia educativa a scuola di Baylor di formazione e co-author dello studio. Per osservare lo studio, pubblicato nella ricerca nei disordini di spettro di autismo, visualizzi http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1750946712000724.

In un esempio citato nella ricerca, “un bambino di 5 anni con ASD è morto da arresto cardiaco causato dal hypocalcemia mentre ricevendo chelazione endovenosa.„ E, uno studio clinico 2008 sul trattamento di chelazione per autismo era sospeso dovuto i rischi potenziali della sicurezza connessi con chelazione.

“La terapia di chelazione rappresenta “carretto prima lo scenario del cavallo„ in cui l'ipotesi che supporta l'uso di chelazione non è stata convalidata prima del usando come modulo del trattamento. La prova non supporta l'ipotesi che i sintomi di ASD sono associati con i livelli specifici di metalli nell'organismo,„ ha detto Davis, supervisore del programma dell'analisi di comportamento applicata al centro delle risorse di autismo di Baylor.

Nello studio, Davis ed i colleghi hanno esaminato i risultati della ricerca di cinque studi pubblicati su chelazione. Negli studi, le 82 età 3 - 14 dei partecipanti hanno ricevuto il trattamento di chelazione che varia da uno a sette mesi.

Dei cinque studi, quattro hanno mostrato che misto risultato-qualche risultati positivi e negativi per ciascuno dello studio partecipante-e di uno studio hanno mostrato tutti i risultati positivi. Ma dopo l'esame più vicino, Davis ed il suo gruppo di ricerca hanno trovato “le debolezze metodologiche„ negli studi.

“Parecchi studi hanno applicato le numerose terapie immediatamente oltre a chelazione che lo ha reso impossible determinare se i risultati positivi potessero essere attribuiti a chelazione da solo,„ Davis ha detto.

Infine, Davis ha trovato che gli studi della ricerca non hanno supportato l'uso di chelazione come alcuni hanno sostenuto ed erano “insufficienti, che fossero il più a basso livello della certezza.„

“L'uso di chelazione eliminare i metalli dall'organismo per migliorare ASD potrebbe essere veduto come non fondato ed illogico,„ ha detto Davis.

Malgrado i rischi e la mancanza di chelazione supportante di prova, in un'indagine di Internet, più di 7 per cento dei genitori hanno detto che hanno provato il trattamento di chelazione per i loro bambini.

“Altri ricercatori hanno trovato quella convalida di un trattamento, o manchi di di ciò, non sembra avere un'influenza sopra cui i genitori del trattamento eleggono per usare. La maggior parte dei genitori credono “nel non lasciare pietra rigirata„ quando prova a curare i loro bambini con ASD e sono disposti a provare qualche cosa che credano potrebbero aiutare il loro bambino,„ Davis ha detto.

Davis e la sua speranza dei colleghi i loro risultati possono aiutare i genitori a prendere le decisioni circa il corso del trattamento per intraprendere per i loro bambini.

“La mia speranza è che questa ricerca aiuterà i genitori ad operare le scelte informate quando seleziona i trattamenti per il loro bambino con ASD. Mentre capisco il desiderio di un genitore di provare qualche cosa e tutto che possa aiutare il loro bambino, come ricercatore, è difficile da guardare una famiglia spendere il tempo, la moneta e le risorse sugli interventi che la ricerca ha trovato per essere inefficace, o peggio, potenzialmente pericoloso,„ Davis ha detto.