Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Esclusione di arteria coronaria che innesta cassaforte per i pazienti sottoposti a dialisi

Fra le due procedure disponibili per l'apertura delle arterie bloccate che circondano il cuore, uno sembra essere più sicuro dell'altro per i pazienti sottoposti a dialisi, secondo uno studio che compare in un'edizione imminente del giornale della società americana della nefrologia (JASN). I risultati possono contribuire a piombo per migliorare la cura per i pazienti dell'insufficienza renale con la coronaropatia.

Mentre 30% - 60% dei pazienti dell'insufficienza renale su dialisi hanno bloccato le arterie che circondano il cuore, ci sono poche informazioni per quanto riguarda come fissare ottimamente il problema pericoloso in queste persone. Quello è perché i pazienti sottoposti a dialisi si sono esclusi dai test clinici sulle due procedure disponibili: chirurgia a cuore aperto (esclusione di arteria coronaria che innesta, o CABG) ed angioplastia (intervento coronario percutaneo, o PCI).

Cesalpina Chang, MD, Wolfgang Winkelmayer, MD, ScD (scuola di medicina di Stanford University) ed i loro colleghi hanno esaminato un database di tutti i pazienti su dialisi negli Stati Uniti con copertura primaria di Assistenza sanitaria statale per determinare quale è la migliore strategia del maggiore: CABG o PCI. Hanno identificato quasi 22.000 pazienti sottoposti a dialisi che hanno subito CABG o il PCI fra 1997 e 2009.

Fra i risultati principali:
•I tassi di sopravvivenza globali erano poveri, con i tassi di sopravvivenza quinquennali di 22% - 25% indipendentemente da strategia del maggiore. (I tassi di sopravvivenza quinquennali in pazienti senza malattia renale sono più di 90%.)
•CABG è stato associato con un 13% più a basso rischio della morte e un 12% più a basso rischio della morte o dell'avere un attacco di cuore.

“È importante notare che perché il nostro studio era d'osservazione, i nostri risultati non possono provare che CABG è migliore; soltanto una prova ripartita con scelta casuale può fare quella,„ ha detto il Dott. Chang. “Tuttavia, il nostro studio offre l'orientamento ai pazienti ed i fornitori che devono prendere queste decisioni difficili e suggeriscono quello in pazienti con attenzione selezionati su dialisi con la coronaropatia del multivessel, CABG possono essere preferiti piuttosto che il PCI.„ Poiché organizzare una prova ripartita con scelta casuale di CABG e del PCI in pazienti su dialisi sarebbe abbastanza difficile, gli studi d'osservazione come questo possono essere il migliore modo confrontare le due strategie.

Source:

Journal of the American Society of Nephrology