Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I medici non dovrebbero prescrivere i rinforzatori conoscitivi alla gente in buona salute

I medici non dovrebbero prescrivere i rinforzatori conoscitivi alle persone in buona salute, specifica un rapporto che è pubblicato oggi nel giornale medico canadese di associazione (CMAJ). Il Dott. Eric Racine ed il suo gruppo di ricerca ai IRCM, gli autori dello studio, fornisce la loro raccomandazione basata sull'integrità professionale dei medici, i vantaggi incerti delle droghe e nuoce a e risorse limitate di sanità.

Gli stimolanti di prescrizione ed altri neuropharmaceuticals, prescritti generalmente per trattare il disturbo da deficit di attenzione (ADD), sono usati spesso dalla gente in buona salute migliorare la concentrazione, la memoria, la vigilanza e l'umore, un fenomeno descritto come potenziamento conoscitivo.

“Le persone catturano gli stimolanti di prescrizione per eseguire meglio a scuola o sul lavoro,„ dice il Dott. Racine, uno specialista di neuroethics di Montr-Al e Direttore dell'unità di ricerca di Neuroethics ai IRCM. “Tuttavia, perché queste droghe sono disponibili nel Canada dalla prescrizione soltanto, la gente deve richiederle dai loro medici. I medici sono così consegnatari importanti in questo dibattito, dato i rischi ed i regolamenti di farmaci da vendere su ricetta medica ed il potenziale per le richieste dai pazienti per tali rinforzatori conoscitivi.„

La prevalenza dei rinforzatori conoscitivi usati dagli studenti sui campus universitari varia da 1 per cento a 11 per cento. Catturando tali stimolanti è associato con i rischi di dipendenza, di problemi cardiovascolari e di psicosi.

“La prova corrente non ha indicato che i vantaggi desiderati della prestazione mentale migliorata sono raggiunti con queste sostanze,„ spiega Cynthia Forlini, primo autore dello studio e studente di laurea nell'unità di ricerca del Dott. Racine. “Con i vantaggi e la radura incerti nuoce a, è difficile da supportare la nozione che i medici dovrebbero prescrivere un farmaco ad una persona in buona salute per gli scopi di potenziamento.„

“I medici nel Canada forniscono le prescrizioni tramite un sistema sanitario finanziato con risorse pubbliche le domande espandentesi per cura,„ aggiunge sig.ra Forlini. “I rinforzatori conoscitivi di prescrizione possono quindi non essere un uso appropriato delle risorse. La preoccupazione è che coloro che ha bisogno del farmaco per motivi di salute ma non possono permettersela saranno in una posizione sfavorevole.„

“Una discussione internazionale di bioetica è affiorato sull'etica del potenziamento conoscitivo ed il ruolo dei medici in stimolanti di prescrizione alla gente in buona salute,„ conclude il Dott. Racine. “Speriamo che la nostra analisi richieda il riflesso in comunità medica canadese circa questi rinforzatori conoscitivi.„