Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I Ricercatori rivelano il ruolo delle celle dentritiche in diabete di Tipo 1

I ricercatori rivelano il ruolo delle celle immuni innate, particolarmente le celle dentritiche, che causano l'attivazione dei Linfociti T dell'uccisore di cui l'atto è diretto contro le celle pancreatiche di P. I risultati ottenuti in mouse permettono di considerare i nuovi modi di regolamentazione della reazione autoimmune generata dalle celle immuni innate.

il diabete di tipo 1, o il diabete insulina-dipendente, è una malattia autoimmune caratterizzata dalla distruzione delle celle pancreatiche producenti insulina del β che sono presenti nelle Isole di Langerhans che sono stesse nel pancreas. La caratteristica di questo tipo di diabete si trova nel fatto che le celle si distruggono dai Linfociti T che uccidono il sistema immunitario del paziente. Ciò è una reazione autoimmune. Gran Parte della ricerca ha evidenziato il ruolo dei Linfociti T automatico-reattivi nelle celle pancreatiche del β. Eppure i meccanismi hanno compreso nell'attivazione iniziale del sistema immunitario che avvia la serie di eventi che piombo alla morte delle celle è ancora mal definito.

Il lavoro del gruppo che lavora “ai meccanismi Immuni del diabete di Tipo 1„ (Inserm/Universit- de Parigi Cartesio) in mouse di CENNO DEL CAPO (diabetico Non Obeso), il modello usato per lo studio del diabete di Tipo 1, rivela il ruolo essenziale svolto dalle celle del sistema immunitario innato che fino ad ora non sono state considerate partecipare al diabete. Queste celle sono state conosciute per svolgere un ruolo in altre malattie autoimmuni quali lupus e la psoriasi. In questo studio, i ricercatori sono riuscito a descrivere i meccanismi che iniziano l'attivazione dei Linfociti T che si fissano alle celle pancreatiche del β.

Il sistema immunitario innato è attivato normalmente quando un'infezione accade. Ciò è quando lo smobilizzo e l'attivazione dei neutrofili e delle celle dentritiche è osservato, costituenti le prime fasi della risposta immunitaria. Anormalmente in mouse diabetici di CENNO DEL CAPO, la morte fisiologica naturale delle celle pancreatiche del β, accadente come il trattamento progredisce, comprende una risposta autoimmune innata nel pancreas. I Ricercatori hanno fornito i dati dettagliati dell'introduzione di una sequenza degli eventi di attivazione in queste celle immuni innate nelle Isole di Langerhans.

“Abbiamo osservato in mouse che il trattamento impedisce l'attivazione delle celle immuni innate, neutrofili e le celle dentritiche, avvertimento dell'inizio del diabete inibendo l'aspetto delle risposte autoimmuni di T hanno puntato sul pancreas„ spiega Agn-s Lehuen, testa del gruppo di Inserm.

Questi risultati mostrano, per la prima volta, il ruolo importante svolto dalle celle immuni innate nella serie di eventi che piombo all'inizio del diabete di Tipo 1. I Ricercatori continuano a sforzarsi di capire come regolamentare la reazione autoimmune prodotta dalle celle dentritiche senza compromettere il sistema immunitario innato, essenziale nei casi dell'infezione. Parecchi itinerari stanno catturandi per tentare di regolamentare la produzione della molecola dell'allarme del α dei INF che precede l'attivazione delle Cellule T dell'uccisore, per esempio, specificamente mirando a determinati itinerari di attivazione per le celle dentritiche del pDC.

“Questi approcci terapeutici corrente stanno provandi in altre malattie autoimmuni quali lupus e la psoriasi. Tali trattamenti innovatori hanno potuto essere utili nella prevenzione del diabete di Tipo 1. In primo luogo sarà necessario, tuttavia, per svolgere gli studi in pazienti diabetici e pre-diabetici per potere capire meglio come le celle immuni innate funzionano, qualcosa che non sia stato studiato fino ad oggi in diabete autoimmune,„ conclude Agn-s Lehuen.

Sorgente: INSERM (Institut de la sante nazionale et medicale ricercato della La del de)