Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Anomalie di Andatura trovate in neuropatia diabetica

Da Joanna Lyford, Reporter Senior dei medwireNews

La forza muscolare della Caviglia e la mobilità della giuntura sono i fattori chiave che influenzano le anomalie di andatura nella gente con la neuropatia periferica diabetica (DPN), la ricerca Brasiliana suggerisce.

I risultati potrebbero tenere conto lo sviluppo delle strategie preventive, Alessandra Martinelli (Banco di Scienza e Tecnologia, Presidente Prudente) ed i colleghi scrivono in TheFoot.

I ricercatori hanno studiato 25 pazienti con il Diabete di tipo 2 e la neuropatia periferica e 27 genti in buona salute abbinate per l'età ed il genere. I pazienti del diabete interamente hanno segnato almeno 8 sullo Strumento della Selezione della Neuropatia del Michigan.

Tutti I partecipanti sono stati valutati per i parametri spatio-temporali di andatura facendo uso di una pedana mobile baropodometry elettronica e per forza muscolare della caviglia facendo uso di un dinamometro.

L'analisi di Andatura ha rivelato parecchie anomalie in pazienti con la neuropatia periferica diabetica. Specificamente, i pazienti diabetici hanno avuti una più breve lunghezza di andatura (1,04 contro m) 1,14, la velocità più lenta del ciclo (0,89 contro 1,03 m/s) e durata più lunga di supporto totale (0,77 contro 0,70 s) ha paragonato ai comandi.

Inoltre, i partecipanti neurologico alterati hanno avuti la più piccola mobilità di dorsiflexion della caviglia e mobilità aumentata di plantarflexion, con forza muscolare diminuita sia dei dorsiflexors che dei plantiflexors.

L'analisi di Correlazione ha identificato una relazione positiva significativa fra forza muscolare di plantiflexor e la lunghezza e la velocità del ciclo di andatura. Inoltre, la prestazione di andatura è stata preveduta dalla forza muscolare dei plantiflexors e dei dorsiflexors e dall'intervallo di moto del dorsiflexion.

Catturato insieme, supporto di questi risultati l'ipotesi che i pazienti con la neuropatia diabetica hanno alterazioni nel reticolo di andatura e nella forza muscolare, dice Martinelli et al.

Dicono che parecchi fattori potrebbero essere responsabili della forza muscolare diminuita in persone diabetiche, quali le anomalie intrinseche in muscolo diabetico, nell'assunzione capillare alterata, nella malattia arteriosa periferica e nella polineuropatia diabetica. I cambiamenti nell'attività di muscolo possono a loro volta piombo all'aumento osservato nel moto di plantarflexion.

Gli autori concludono: “Questi danni sono contributori importanti delle limitazioni di camminata relative alla neuropatia periferica diabetica. L'importanza Clinica dovrebbe essere data a ripristino ed a mantenimento della funzionalità del complesso della caviglia, per mantenere la maggiori mobilità e forza muscolare della caviglia per una migliore prestazione di andatura.„

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.