Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio di Penn suggerisce che trattamenti della dopamina possa svolgere il ruolo in impulsivity aumentante

Lo studio di Penn suggerisce che trattamenti della dopamina possa svolgere il ruolo in impulsivity aumentante

Mentre circa uno in cinque pazienti della malattia del Parkinson avverte i sintomi di disordine di controllo di impulso, la malattia stessa non aumenta il rischio sintomi di impulsivity di gioco, della compera, o altro, secondo la ricerca dalla scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania. Un nuovo studio è il primo per indicare in un grande campione che la gente con Parkinson non trattato era non di più probabile avere un impulsivity aumentato che la gente senza la malattia. Pubblicato nell'emissione della stampa dell'8 gennaio 2013 della neurologia, il giornale medico dell'accademia americana della neurologia, questo studio è la più forte ricerca fin qui che rinforza l'associazione riferita fra i farmaci di malattia ed i disordini di controllo di impulso in Parkinson.

“Quando esaminando i pazienti di Parkinson recentemente diagnosticato che hanno avuti ancora essere curati con le droghe che mirano al sistema della dopamina, non abbiamo veduto differenza in impulsivity che che cosa abbiamo trovato in gente in buona salute senza la malattia,„ ha detto lo studio del cavo Daniel Weintraub autore, il MD, il professore associato della psichiatria e la neurologia nella scuola di medicina di Perelman all'università della Pennsylvania. “Ora sapendo che la malattia stessa non sta determinando i comportamenti impulsivi, possiamo seguire recentemente abbiamo diagnosticato i pazienti col passare del tempo per vedere se possiamo predire come l'esposizione alle droghe in relazione con la dopamina ed altri fattori svolgono un ruolo nei disordini di controllo di impulso.„

Facendo uso dei dati del riferimento da 168 neo-ha diagnosticato, pazienti non trattati della malattia del Parkinson e 143 oggetti in buona salute di controllo, ottenuti sopra l'iscrizione nell'iniziativa degli indicatori della progressione del Parkinson (PPMI), il gruppo egualmente hanno trovato che c'era una severità aumentante della depressione connessa con i disordini di controllo di impulso fra entrambi i gruppi, specialmente con la presenza di sintomi compulsivi del cibo.

Ciò è il primo studio per utilizzare uno strumento di valutazione di controllo di impulso sviluppato e convalidato per uso in palladio, pure iscrivere simultaneamente i pazienti del palladio ed i comandi sani e fare ad entrambi i subire gruppi un trattamento identico di valutazione.

“Per quelli con Parkinson che ha schermato il positivo per i disordini di controllo di impulso al riferimento, sarà interessante seguire i pazienti per vedere se il trattamento con gli agonisti della dopamina ed altre terapie col passare del tempo rischio di accrescimento più ulteriore,„ ha detto Weintraub, anche con la ricerca di malattia mentale e della malattia del Parkinson, la formazione ed il centro clinico del centro medico di affari dei veterani di Filadelfia.

Ciò è i primi dati da pubblicare dall'iniziativa degli indicatori della progressione del Parkinson, conosciuta come PPMI, un partenariato pubblico-privato costituito un fondo per dal Michael J. Fox Foundation per i partner della ricerca e del finanziamento di Parkinson, compreso Abbott, Biogen Idec, F. Hoffman-La Roche srl, la sanità di GE, Genentech e Pfizer Inc.