Pazienti con COPD più probabile sviluppare le infezioni batteriche serie

È ben noto che i pazienti di COPD corrono un elevato rischio di contratto delle infezioni respiratorie. Tuttavia, una nuova tesi dall'università di Lund in Svezia indica che sono egualmente all'elevato rischio di altre infezioni batteriche, quali la tubercolosi (TB) e le infezioni pneumococciche e stafilococciche che possono causare la malattia seria.

L'abbreviazione COPD corrisponde alla malattia polmonare ostruttiva cronica e la malattia lo rende difficile affinchè i pazienti respiri. Tuttavia, la malattia pregiudica altri organi come pure i polmoni. Egualmente è collegata ad un rischio aumentato di termini quali il diabete, il cancro e l'infarto.

“Malgrado questo, finora la maggior parte del fuoco è stato sulle infezioni respiratorie; le infezioni in altri organi non sono state studiate nella stessa misura„, dice il Dott. Malin Inghammar.

Nella sua tesi, il Dott. Inghammar ha indicato che le persone in Svezia che sono state diagnosticate con COPD hanno un elevato rischio tre volte della tubercolosi attiva che la popolazione in generale. Sono egualmente all'elevato rischio della malattia pneumococcica dilagante, un tipo di infezione che può causare la meningite e la setticemia.

In un altro studio, Malin Inghammar ha esaminato la presenza di batteri nel sangue dei pazienti di COPD e degli oggetti di controllo dalla popolazione in genere. Una vasta gamma di batteri, quali i batteri di bacillo coliforme e lo staphylococcus aureus, sono stati veduti per essere 2,5 volte più frequenti nel sangue dei pazienti con COPD.

La tubercolosi è una malattia rara in Svezia, in modo dall'associazione fra COPD e la TB non è di grande importanza in Svezia. Tuttavia, l'associazione potrebbe essere importante per i paesi quali l'India e la Cina, in cui la TB è ancora una malattia comune e dove fumare è in aumento. Medici possono avere bisogno di di aumentare la consapevolezza dei batteri infezione-causanti pericolosi in tutto il paese.

“Il punto seguente è di studiare che cosa causa il collegamento. Il trattamento del cortisone che è dato solitamente ai pazienti di COPD li rende vulnerabili alle infezioni? O è la predisposizione all'infezione dovuto altri fattori, quali la perdita di peso, la debolezza di muscolo e l'anemia che sono associati con la circostanza?„ chiede Malin Inghammar.

I suoi risultati hanno potuto in futuro piombo ai cambiamenti nel trattamento di COPD. Se i pazienti di COPD sono ad extra ad alto rischio delle infezioni ospedale-acquistate, quindi forse più cura dovrebbe essere catturata prima ammetterle di all'ospedale e di maggior riflesso fatto su tutti i fattori che potrebbero comportare un rischio aumentato di infezione.

Source:

Lund University