Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

NSU per ospitare conferenza sulle neuro circostanze immuni

L'università sudorientale della nova (NSU) ospiterà una conferenza sabato 26 gennaio circa l'apertura imminente dell'istituto universitario di NSU dell'istituto osteopatico della medicina per neuro medicina immune.

La conferenza sarà tenuta dalle 9 di mattina alle 5 del pomeriggio alla sala del cavaliere situata dentro l'edificio di Carl DeSantis sulla città universitaria principale del Davie di NSU. Caratterizzerà i medici ed i ricercatori che parlano della pratica clinica e ricercherà che sarà condotta al nuovo istituto $5 milioni per neuro medicina immune.

Con una grande apertura il 12 febbraio, l'istituto sarà quello solo del suo genere nella nazione che curerà i pazienti con i termini quali la sindrome cronica di fatica/encefalomielite mialgica (CFS/ME), la malattia della guerra del Golfo (GWI) ed altri neuro termini immuni come pure conduce la ricerca di base e clinica sotto un tetto in materia.

L'istituto egualmente sarà il primo nella nazione per studiare i disordini neuroinflammatory e neurodegenerative quali CFS/ME, GWI, la malattia del Parkinson e la sclerosi a placche facendo uso di più nuove tecniche genomiche.

Studiando i diversi geni e cui codificano per, gli scienziati dell'istituto capiranno meglio la causa ed il punto ai nuovi modi trattare questi disordini complessi. L'idea è di sfidare il paziente con qualcosa come l'esercizio e misurare quali geni girano inserita/disinserita e capire meglio la causa di persistenza di malattia e di ricaduta e trovare i punti di intervento. Questa ricerca di base importante fornirà le risposte che aiuteranno gli scienziati a sviluppare i nuovi farmaci farmaceutici per trattare queste malattie.

Alloggiato alla città universitaria principale di NSU, l'istituto avrà i laboratori di ricerca, la clinica paziente, un'unità di ricerca clinica, gli uffici della facoltà ed impianti di conferenza. Ha progettato per un le discipline mediche e scientifiche multiple di memoria in un posto: clinici, educatori e ricercatori nelle aree di genomica, di virologia, di immunologia, di biologia cellulare, di biologia di calcolo e di modellistica terapeutica.

“Abbiamo creato un comitato di esperti unico che starà bene al neuro istituto immune principale della medicina del suo genere negli Stati Uniti,„ abbiamo detto il Direttore Nancy Klimas, M.D. dell'istituto, che è uno degli autorevoli ricercatori e dei clinici del mondo nella sindrome cronica di fatica/encefalomielite mialgica (CFS/ME). “Sarà un posto per coordinare il pensiero e la ricerca dell'avanguardia, per formare i nuovi professionisti e per offrire la cura clinica più di alta qualità per una popolazione enorme underserved. Siamo entusiasmati per intraprendere questo passo da gigante in avanti nel campo di CFS/ME e cura e la ricerca di malattia della guerra del Golfo.„

L'istituto partners con il centro medico di Miami VA nel programma di ricerca di malattia della guerra del Golfo. Complimenterà una clinica attuale Klimas di NSU sorveglia in Kendall, che cura CFS/ME, GWI ed altri pazienti soffrenti dai neuro disturbi immunitari. Quando l'istituto comincia a vedere i pazienti il 1° marzo, entrambi gli impianti accomoderanno intorno 1.300 pazienti da Florida del sud, in tutto la nazione ed intorno al mondo.

Riunendo alcune di migliori menti scientifiche nel mondo, la funzione fungerà da sia istituto lavorante per la ricerca, formerà i nuovi clinici che fornirà la cura clinica diagnostica e terapeutica.

Oltre al vedere i pazienti ed a condurre la ricerca, Klimas ed il suo gruppo stanno conducendo le tracce della clinica per la droga Ampligen, che sarebbe il farmaco mai visto per trattare CFS/ME se approvato da FDA.

Source:

Nova Southeastern University