Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'eziologia Pediatrica di cecità varia intorno al globo

Da Joanna Lyford, Reporter Senior dei medwireNews

Le cause e la prevalenza di cecità in bambini variano contrassegnato da geografia, presumibilmente come proxy per i fattori socioeconomici che influenzano la prevenzione e gli schemi del trattamento, concludono gli autori di una revisione bibliografica.

Paul Steinkuller (Istituto Universitario di Baylor di Medicina, Houston, il Texas, U.S.A.) e colleghi ha condotto una ricerca sistematica della letteratura del mondo su cecità pediatrica pubblicata fra 1999 e 2012.

Hanno identificato 41 documento pertinente che rappresenta 33 paesi; 26 degli studi sono stati intrapresi in banchi per il capanno mimetico, sei erano basati sulla popolazione, sei erano ad esami basati a ospedale della cartella sanitaria e tre erano studi chiave dell'informatore.

Il gruppo egualmente ha contattato tutti i banchi per il capanno mimetico in U.S.A. per informazioni sulle cause di perdita della visione fra gli allievi.

I dati disponibili suggeriscono che economicamente in paesi sviluppati e nelle regioni, quali U.S.A., il Canada, Europa Occidentale ed il Giappone, la tariffa di cecità di infanzia sia 0.3-0.4 per 1000 bambini, rapporto Steinkuller ed altri nel Giornale dell'Associazione Americana per l'Oftalmologia Pediatrica e Strabismi.

La prevalenza di cecità di infanzia è intermedia nella regione Pacifica Occidentale, a 0.2-0.7 a 1000 ed in Asia, a 0,9 a 1000. In paesi non sviluppati la prevalenza è alta quanto 1,2 a 1000, essi specificano.

“I fattori economici Svolgono un ruolo di fattore principale nelle tariffe di cecità di infanzia,„ gli autori scrivono. “Nove paesi dalla regione dell'Africa sono rappresentati, di cui otto (89%) sono paesi a basso reddito, in cui la malattia corneale è stata trovata per essere la causa anatomica più frequente di danno visivo. In paesi medi e con reddito elevato, la retina è il sito principale di danno visivo.„

Il gruppo stima che in paesi in via di sviluppo, una media di 51% di cecità di infanzia sia evitabile, 27% è trattabile e 19% è evitabile. Fra le cause evitabili e trattabili, la retinopatia della prematurità (ROP) è un'eziologia emergente.

Nel Frattempo, i fattori ereditari quali albinismo, le cataratte congenite con storia della famiglia e le retinite pigmentose, predominano in Americhe, l'Europa, in Asia ed il Pacifico Occidentale

Regioni, rappresentanti 23-44% delle casse. Nel Sudan ed altri Paesi africani, fino a 40% di cecità di infanzia è causato dalla carenza della vitamina A.

Ulteriori comprensioni sono venuto dall'analisi dei dati forniti da 16 banchi ciechi in U.S.A. Qui, le cause di piombo di cecità erano danno visivo corticale (18%), ipoplasia del nervo ottico (15%) e DISPOSITIVO DI PROTEZIONE IN CASO DI CAPOVOLGIMENTO (14%).

Meno cause comuni, ciascuna che rappresenta 2-7% del totale, erano atrofia ottica, albinismo, coloboma, il glaucoma, distacco della retina non DISPOSITIVO DI PROTEZIONE IN CASO DI CAPOVOLGIMENTO, il amaurosis di Leber, retinite pigmentose, microftalmia/anoftalmia, cataratta e nistagmo congeniti.

“Di Più ha dettagliato ed i dati accurati dai banchi per il capanno mimetico negli Stati Uniti potrebbero essere ottenuti da un'indagine unificata facendo uso dell'Organizzazione mondiale della sanità/Prevenzione standardizzate del formato di Cecità o tramite la creazione di una registrazione nazionale per cecità,„ le osservazioni del gruppo.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.