Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio può contribuire a progettare i migliori cocktail della droga di DAA per trattare HCV

Le influenze (HCV) di infezione del virus dell'epatite C circa 4 milioni negli Stati Uniti ed è la causa primaria di cirrosi epatica e del cancro di fegato. La terapia corrente contro HCV è suboptimale. Daclatasvir, un agente antivirale (DAA) ad azione diretta in via di sviluppo per il trattamento di HCV, mira ad una delle proteine di HCV (cioè, NS5A) e delle cause il declino virale più veloce (entro 12 ore del trattamento) veduto mai con le droghe anti--HCV. Uno sforzo interdisciplinare dai modellatori matematici, dai clinici e dai virologi molecolari ha rivelato che il daclatasvir ha due modi principali di atto contro HCV ed egualmente rende un nuovo, preventivo più accurato dell'emivita di HCV.

I risultati dello studio di NS5A sono pubblicati il 18 febbraio 2013 negli atti prestigiosi dell'Accademia nazionale delle scienze (PNAS).

“Infine, il nostro studio contribuirà a progettare i migliori cocktail della droga di DAA per trattare HCV,„ ha detto il sistema di salubrità dell'università di Loyola (LUHS) ed il modellatore matematico (SSOM) Harel Dahari, Ph.D della scuola di medicina di Stritch, che guidato co lo studio. Dahari è uno di cinque membri della divisione dell'epatologia a Loyola si è diretto da Scott Cotler, MD che ha creato lo studio con Thomas Layden, il dottorando Natasha Sansone di Ph.D del virologo Susan L. Uprichard di HCV, di MD, di Ph.D e del Dott. Uprichard. Lo studio era guidato co con Jeremie Guedj (Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale) e condotto con DRS. Alan Perelson (membro anziano al laboratorio nazionale di Los Alamos), Libin Rong (università di Oakland) ed ortiche di Richard (Bristol-Myers Squibb).

La nuova modellistica cinetica dei documenti HCV di studio durante il trattamento sia in pazienti che nella coltura cellulare che fornisce la comprensione nei modi di atto di daclatasvir. Inoltre, lo studio suggerisce un preventivo più accurato di spazio di HCV da circolazione precedentemente stimata nel 1998 da DRS. Dahari, Layden, Perelson e colleghi nella scienza.

“La nostra modellistica della cinetica virale in pazienti curati predice che il daclatasvir non solo blocca la sintesi del RNA virale all'interno delle celle infettate ma egualmente blocca la secrezione del virus contagioso dalle celle,„ Dahari spiegato. Questa previsione è stata confermata nel laboratorio del Dott. Uprichard facendo uso delle celle di fegato coltivate che supportano l'intero ciclo di vita di infezione da HCV. DRS. Dahari e Uprichard sono Direttori di nuovo programma per la modellistica sperimentale e di traduzione recentemente stabilita a Loyola per promuovere il tipo di ricerca interdisciplinare esemplificato in questa pubblicazione.

Pubblicazioni 2013 supplementari di Dahari

La ricerca supplementare condotta da Dahari e dai colleghi relativi al nuovo programma di Loyola per la modellistica sperimentale e di traduzione in altre pubblicazioni professionali include:

- Uno studio sull'effetto di ribavirina sulla cinetica di HCV e sull'espressione genica del fegato, piombo dai ricercatori dall'istituto della sanità nazionale e pubblicato in intestino.

- Una lettera sulla comprensione del declino trifase di HCV durante il trattamento nell'era dei polimorfismi di IL28B e degli agenti antivirali ad azione diretta via la modellistica matematica, pubblicata nel giornale dell'epatologia.

- Uno studio che montra un modello matematico delle fasi acute e croniche di infezione virale murina di encefalomielite di Theiler (TMEV) - un modello altamente pertinente dell'animale da laboratorio per la sclerosi a placche - che può servire da strumento importante nella comprensione dei meccanismi contagiosi di TMEV e può risultare utile in antivirals di valutazione e/o nelle modalità terapeutiche impedire o inibire il demyelination pubblicato nel giornale della virologia.

Il Dott. Dahari è una guida internazionale riconosciuta nel campo della cinetica virale. “Loyola è onorata per avere Dott. Dahari come membro della facoltà di epatologia; la sua ricerca dirottura contribuirà a rinforzare la direzione di Loyola nel trattamento di epatite virale C,„ ha detto David W. Hecht, MD, ms, MBA, presidenza, medicina interna nello SSOM e vice presidente senior provvisorio, affari clinici a LUHS.

Source:

Proceedings of the National Academy of Sciences