Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La presentazione degli alimenti contenenti glutine agli infanti d'allattamento al seno può impedire la malattia celiaca

La malattia celiaca è molto più comune in Svezia che nel resto di Europa e degli Stati Uniti, ma può essere impedita con gradualmente la presentazione degli alimenti contenenti glutine agli infanti d'allattamento al seno, secondo uno studio completo piombo dai ricercatori all'università di Umeå.

La malattia celiaca, anche conosciuta come intolleranza del glutine, è una malattia cronica di cui il solo trattamento è una dieta senza glutine rigorosa per tutta la vita, cioè per escludere qualche cosa che contenga il grano, la segale o l'orzo. Fino agli anni 70, la malattia celiaca era insolita ed è stata diagnosticata in soltanto 0,001% di tutti i bambini. Fra 1984 e 1996, tuttavia, la Svezia è stata colpita “da un'epidemia„ della malattia celiaca in bambini al di sotto di 2 anni. Un aumento quadruplo nell'incidenza della malattia clinicamente diagnosticata, seguita più successivamente da una decade comparabile di diminuzione, era fi di raggiro rmed tramite il registro svedese nazionale di malattia celiaca di infanzia. Qualche cosa di simile non era stato veduto mai prima dovunque dentro del mondo.

Con indagine successiva dell'epidemia, i ricercatori ora hanno indicato che la malattia celiaca corrente pregiudica fino a 3% di tutti i giovani. Due terzi di loro ancora non hanno ricevuto la diagnosi ed il trattamento. Egualmente è indicato che il rischio di sviluppare la malattia può essere diminuito quando il bambino è allattato e preferibilmente cominciando con le piccole quantità di glutine mentre allattare è ancora in corso. Questi risultati hanno contribuito alle raccomandazioni svedesi correnti su nutrizione infantile e recentemente egualmente ha influenzato le raccomandazioni nel resto di Europa e negli Stati Uniti.

Il gruppo del ricercatore, il Dott. piombo Anneli Ivarsson al ministero della salute pubblica ed alla medicina clinica all'università di Umeå, speculano che ci può essere un ventaglio di opportunità in cui un infan

“Ora siamo risultato che questo modo della presentazione del glutine diminuisce il rischio di ottenere la malattia celiaca,„ dice il Dott. Anneli Ivarsson.

I risultati nello studio, pubblicato il 18 febbraio online ed in marzo stampano l'emissione della pediatria del giornale, sono basati su ETICS - esplorare l'iceberg di Celiacs in Svezia, che fa parte del progetto europeo ETICS PreventCD è gli studi della selezione intrapresi nel 2005-2011 fra il 12enni sopportato durante l'epidemia (1993) e dopo (1997). Sono stati invitati nello studio più di 18.000 sesti selezionatori da cinque posizioni in Svezia: Lund, Växjö, Norrköping, Norrtälje e Umeå. Fra loro, 69% sono stati dati le analisi del sangue. I campioni di sangue sono stati analizzati per la malattia celiaca ed i bambini che avevano elevato livelli sono stati chiamati alla clinica pediatrica più vicina affinchè una piccola biopsia intestinale controllassero per vedere se c'è sospetto di malattia.

Riassumendo, per gli anni dodici che cominciano nel 1984, la Svezia ha avvertito un'epidemia unica della malattia celiaca nei bambini più in giovane età. È stata sviluppata entro una decade di nutrizione infantile avversa e la Svezia ha l'incidenza di gran lunga più alta della malattia celiaca Europa e negli Stati Uniti. È stimato che ci sia ascendente di 150,000 persone con la malattia celiaca in Svezia, di cui circa 100.000 ancora non hanno ricevuto la diagnosi ed il trattamento adeguati. L'attenzione aumentata è necessaria affatto per tante vittime come possibile ottenere la diagnosi ed il trattamento adeguati

La malattia celiaca è molto più comune in Svezia che nel resto di Europa e degli Stati Uniti, ma può essere impedita con gradualmente la presentazione degli alimenti contenenti glutine agli infanti d'allattamento al seno, secondo uno studio completo piombo dai ricercatori all'università di Umeå.

La malattia celiaca, anche conosciuta come intolleranza del glutine, è una malattia cronica di cui il solo trattamento è una dieta senza glutine rigorosa per tutta la vita, cioè per escludere qualche cosa che contenga il grano, la segale o l'orzo. Fino agli anni 70, la malattia celiaca era insolita ed è stata diagnosticata in soltanto 0,001% di tutti i bambini. Fra 1984 e 1996, tuttavia, la Svezia è stata colpita “da un'epidemia„ della malattia celiaca in bambini al di sotto di 2 anni. Un aumento quadruplo nell'incidenza della malattia clinicamente diagnosticata, seguita più successivamente da una decade comparabile di diminuzione, era fi di raggiro rmed tramite il registro svedese nazionale di malattia celiaca di infanzia. Qualche cosa di simile non era stato veduto mai prima dovunque dentro del mondo.

Con indagine successiva dell'epidemia, i ricercatori ora hanno indicato che la malattia celiaca corrente pregiudica fino a 3% di tutti i giovani. Due terzi di loro ancora non hanno ricevuto la diagnosi ed il trattamento. Egualmente è indicato che il rischio di sviluppare la malattia può essere diminuito quando il bambino è allattato e preferibilmente cominciando con le piccole quantità di glutine mentre allattare è ancora in corso. Questi risultati hanno contribuito alle raccomandazioni svedesi correnti su nutrizione infantile e recentemente egualmente ha influenzato le raccomandazioni nel resto di Europa e negli Stati Uniti.

Il gruppo del ricercatore, il Dott. piombo Anneli Ivarsson al dipartimento della salute pubblica e della medicina clinica, speculano che ci può essere un ventaglio di opportunità in cui un infan

“Ora siamo risultato che questo modo della presentazione del glutine diminuisce il rischio di ottenere la malattia celiaca,„ dice il Dott. Anneli Ivarsson.

I risultati nello studio, pubblicato il 18 febbraio online ed in marzo stampano l'emissione della pediatria del giornale, sono basati su ETICS - esplorare l'iceberg di Celiacs in Svezia, che fa parte del progetto europeo ETICS PreventCD è gli studi della selezione intrapresi nel 2005-2011 fra il 12enni sopportato durante l'epidemia (1993) e dopo (1997). Sono stati invitati nello studio più di 18.000 sesti selezionatori da cinque posizioni in Svezia: Lund, Växjö, Norrköping, Norrtälje e Umeå. Fra loro, 69% sono stati dati le analisi del sangue. I campioni di sangue sono stati analizzati per la malattia celiaca ed i bambini che avevano elevato livelli sono stati chiamati alla clinica pediatrica più vicina affinchè una piccola biopsia intestinale controllassero per vedere se c'è sospetto di malattia.

Riassumendo, per gli anni dodici che cominciano nel 1984, la Svezia ha avvertito un'epidemia unica della malattia celiaca nei bambini più in giovane età. È stata sviluppata entro una decade di nutrizione infantile avversa e la Svezia ha l'incidenza di gran lunga più alta della malattia celiaca Europa e negli Stati Uniti. È stimato che ci sia ascendente di 150,000 persone con la malattia celiaca in Svezia, di cui circa 100.000 ancora non hanno ricevuto la diagnosi ed il trattamento adeguati. L'attenzione aumentata è necessaria affatto per tante vittime come possibile ottenere la diagnosi ed il trattamento adeguati.