Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Collegamento di Bifosfonato alle fratture nonhealing rinforzate

Da Lynda Williams, Reporter Senior dei medwireNews

Gli scienziati degli STATI UNITI hanno identificato un segnale di sicurezza fra uso di bifosfonato e le fratture femorali nonhealing, possibilmente dovuto l'effetto secondario raro, frattura atipica del femore.

La ricerca, pubblicata nel Giornale della Chirurgia dell'Articolazione e dell'Osso, aggiunge a prova per un ruolo causativo ed è la prima per dimostrare un collegamento fra l'uso degli agenti di antiresorption e le fratture femorali nonhealing nel database Avverso del Sistema di Segnalazione di Evento dell'Agenzia dell'Alimento e della Droga degli STATI UNITI (FAERS).

Tuttavia, i ricercatori dicono che l'uso di bifosfonato piombo ad una diminuzione di 30% in frattura del cinorrodo fra le persone più anziane in U.S.A., con una diminuzione associata nella morbosità e nella mortalità.

“I vantaggi dei bifosfonati sono 100 volte maggiori del rischio di fratture femorali atipiche,„ essi sottolinea.

Beatrice Edwards (Northwestern University, Chicago, Illinois) e co-author ha identificato 362 rapporti di nonhealing le fratture femorali nel database di FAERS. Il rapporto proporzionale di segnalazione (PRR), dato che queste fratture e l'uso di bifosfonato erano 4,51.

Della nota, la maggior parte dei pazienti commoventi aveva usato l'agente più comune, il alendronate (PRR=3.32).

“È improbabile che questo sia dovuto la maggior esposizione poichè il rapporto di segnalazione proporzionale considera il numero di nonhealing le fratture femorali riferite ed il numero totale dei rapporti connessi con la droga rispetto al numero di tali fratture riferite ed il numero totale dei rapporti connessi con tutte le altre droghe,„ commento di Edwards ed altri.

I ricercatori dicono che i comorbidities erano rari nei pazienti, con l'artrite reumatoide di 7% ed il cancro al seno di segnalazione di 2%. Altri farmaci hanno usato i glucocorticoids inclusi (10%), il etanercept (10%), l'estrogeno (3%) e gli inibitori di aromatase (<1%).

Nessuno delle fratture femorali riferite nel database di FAERS erano atipiche, definito come fratture unilaterali o bilaterali che accadono dopo il dolore prodromico della coscia in assenza del trauma. Le Radiografie dimostrano l'ispessimento corticale del femore.

Tuttavia, la revisione bibliografica dei ricercatori ha compreso una serie di caso che dimostra che 26% delle fratture femorali atipiche erano nonhealing, spingente li a suggerire: “Alcune delle fratture femorali nonhealing nel database di FAERS hanno potuto bene essere fratture femorali atipiche.„

I ricercatori quindi richiedono affinchè una registrazione internazionale registrino la frattura femorale atipica in relazione con il bifosfonato ed ulteriore ricerca sull'identificazione delle fratture di sviluppo nella clinica e nella predisposizione genetica di fondo.

“Una migliore comprensione dei meccanismi che piombo a queste fratture femorali atipiche può permetterci di sviluppare le norme di previsione per questa reazione di droga avversa rara e stratificare di conseguenza e mirare alla nostra cura,„ scrivono.

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.