Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ricerca: I livelli In Diminuzione di vitamina D possono influenzare i fumatori per sviluppare il cancro in relazione con il tabacco

L'oggi online sembrante in Chimica Clinica, il giornale della Nuova ricerca di AACC, indica che i livelli in diminuzione di vitamina D possano predisporre i fumatori a cancro in relazione con il tabacco di sviluppo. Questo studio illustra che le analisi del sangue ed i supplementi semplici di vitamina D hanno il potenziale di migliorare la salubrità dei fumatori.

Negli Stati Uniti da solo, il tabagismo rappresenta annualmente più morti che il HIV, le droghe illegali, l'alcool, le lesioni dell'autoveicolo, i suicidi e gli omicidi combinati. È il fattore causale primario per almeno 30% di tutte le morti del cancro e può piombo ai generi multipli di cancro, compresi la vescica, cervicale, esofageo, capo e collo, rene, fegato, polmone, pancreatico e stomaco come pure leucemia mieloide. Secondo il Centri Per Il Controllo E La Prevenzione Delle Malattie, le spese di sanità e le perdite di produttività dovuto costo di fumo l'economia circa $193 miliardo all'anno.

In questo documento, Afzal et al. ha misurato i livelli di vitamina D del plasma in campioni di sangue raccolti nel 1981-1983 da 10.000 Danesi dalla popolazione in genere. I Ricercatori poi hanno seguito i partecipanti di studio per fino a 28 anni con la Registrazione Danese del Cancro. Dei partecipanti, 1.081 finalmente hanno sviluppato un cancro in relazione con il tabacco. Gli autori hanno determinato che la concentrazione mediana di vitamina D fra questi partecipanti era soltanto 14,8 ng/mL, contro il più alta concentrazione mediana di 16,4 ng/mL trovata insieme per tutti i partecipanti.

Questi risultati indicano per la prima volta che il rischio di cancri in relazione con il tabacco come gruppo è associato con le concentrazioni più basse di vitamina D. I dati egualmente indicano che i prodotti chimici del fumo di tabacco possono influenzare il metabolismo e la funzione di vitamina D, mentre la vitamina D può modificare per contro la carcinogenicità dei prodotti chimici del fumo di tabacco. Se ulteriore ricerca conferma questa, sarebbe coerente con gli studi precedenti che dimostrano gli effetti anti-cancerogeni dei derivati di vitamina D come pure la correlazione della carenza di vitamina D con i termini diformazione favorevoli e la predisposizione aumentata agli agenti cancerogeni del fumo di tabacco. Interessante, sebbene, i bassi livelli di vitamina D non siano connessi con il rischio di altri tipi del cancro.

“Le Nostre analisi mostrano che l'associazione fra le concentrazioni più basse di vitamina D del plasma e l'elevato rischio di cancro può essere determinata da cancro in relazione con il tabacco come gruppo, di cui non è stato indicato prima,„ l'autore indicato Børge G. Nordestgaard, il MD, DMSc, nel documento. “Questo è importante per gli studi futuri che studiano l'associazione fra la vitamina D del plasma ed il rischio di cancro.„

Associazione Americana di SORGENTE per Chimica Clinica