Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori esaminano l'efficacia del probiotics per trattamento del cancro

Si non può pensare al probiotics -- come quelli ha trovato in yogurt che promuovono la buona salubrità digestiva -- come arma utilizzata nella lotta contro cancro. Ma quello è il fuoco dei ricercatori all'istituto del Cancro del New Jersey, che stanno esaminando l'efficacia del probiotics mentre si riferiscono ai risultati del trapianto del midollo osseo per i pazienti con i cancri di sangue. L'istituto del Cancro del New Jersey è un centro di eccellenza dell'università di medicina e di odontoiatria di nuova - jersey - facoltà di medicina di Robert Wood Johnson.

Alcuni pazienti con la leucemia, il linfoma ed il mieloma sono curati con un trapianto “allogeneic„ del midollo osseo in cui il donatore è un parente di sangue o è indipendente ma ha lo stesso tipo del tessuto. Le celle donate possono generare un attacco immune contro le cellule tumorali nel paziente, ma possono anche attaccare le celle ed i tessuti sani normali. Questo attacco, conosciuto come “la malattia del trapianto contro l'ospite (GVHD),„ è una delle complicazioni principali di trapianto e si presenta nel tratto gastrointestinale (GI) in 25 - 40 per cento dei pazienti che subiscono la procedura allogeneic.

Quando il tratto di GI funziona male, i batteri nel colon possono invadere l'organismo e causare le infezioni severe che attivano il sistema immunitario. GVHD può poi diventare il fegato ed altri organi. Probiotics è conosciuto per diminuire la crescita di determinati tipi di batteri. I ricercatori all'istituto del Cancro del New Jersey, che già hanno determinato il GG probiotico del lattobacillo è sicuri relativamente a GVHD, ora stanno esplorando la sua efficacia come componente del “PERFEZIONANO„ (regime enterico probiotico per l'alleviamento delle complicazioni di trapianto) la prova. La ricerca piombo da Roger Strair, il MD, il PhD, capo delle malignità ematologiche/del trapianto ematopoietico della cellula staminale all'istituto del Cancro del New Jersey ed ha ricevuto il supporto generoso dallo Steven e Beverly Rubenstein Charitable Foundation, Inc.

“Questo finanziamento dalla fondazione di beneficienza di Beverly e di Steven Rubenstein permette che noi costruiamo sui nostri risultati precedenti senza interruzione. Più ulteriormente esplorando gli effetti del probiotics sulla malattia del trapianto contro l'ospite, possiamo potere identificare i metodi di impedire l'infezione. Siamo riconoscenti per il loro supporto,„ il Dott. celebre Strair, professore di medicina alla facoltà di medicina di legno di UMDNJ-Robert Johnson.

Andrew Rubenstein è un amministratore e un gestore della fondazione di beneficienza di Beverly e di Steven Rubenstein -- nominato per i suoi genitori che hanno infuso in lui ad una giovane età l'importanza di restituire. Con il padre Steven che muore della leucemia mieloide acuta, Andrew Rubenstein ha ritenuto una connessione al lavoro di Strair. “Il trattamento di mio padre ha provenuto dalla ricerca innovatrice che stava conducenda allora. Partecipando a quel trattamento, ha capito l'importanza di avanzamento dei quei risultati ultimi. Attraverso il supporto delle nostre fondamenta della ricerca del Dott. Strair, speriamo di tenere tali avanzamenti muoverci in avanti,„ ha detto.

Source:

The Cancer Institute of New Jersey