Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il rapporto in modo allarmante sugli effetti secondari persistenti delle droghe antideprimenti ha pubblicato online

Un rapporto in modo allarmante dai siti Web online pazienti sugli effetti secondari persistenti delle droghe antideprimenti è stato pubblicato in una di ultima emissione di psicoterapia e di Psychosomatics dai ricercatori dall'università di Bologna e di America settentrionale.

Nello studio presente, un gruppo di ricercatori analizza la auto-segnalazione online da vari siti Web visualizzati dai pazienti che avevano interrotto gli antideprimente selettivi dell'inibitore di ricaptazione (SSRI) della serotonina e stavano riferendo, spontaneamente su quei forum di Internet, sintomi di ritiro significativi e psicopatologia postwithdrawal, che hanno attribuito alla sospensione dei loro antideprimente di SSRI. Il ritiro di SSRI, come per altre classi di tipo del sedativo di SNC (alcool, benzodiazepina, barbiturico, stupefacente, antipsicotico, antideprimente), deve essere diviso in due fasi: consistere immediato di fase di ritiro nuovo e sintomi di rimbalzo, accadenti fino a 6 settimane dopo ritiro di droga, secondo l'emivita di eliminazione della droga e la fase postwithdrawal, consistendo dei disordini tardivi di supersensitivity del ricevitore, accadenti dopo 6 settimane di ritiro di droga.

Fra febbraio 2010 e settembre 2010, le ricerche con Google qualitative di 8 siti Web compreso Paxilprogress.org, ehealthforum.com, depressionforums.org, about.com, medhelp. il org, drugLib.com, topix.com e survivingantidepressants.org sono stati effettuati in inglese, facendo uso delle parole chiavi come “sindrome da astinenza di SSRIs„, “ritiro di Paxil„, “forum di SSRIs. I collegamenti dai siti Web/forum di cui sopra e dall'altro materiale relativo egualmente sono stati seguiti. I ricercatori hanno quotato la auto-segnalazione paziente online selezionata dei sintomi di ritiro fisici e psichiatrici per ciascuno dei 6 SSRIs: paroxetina (N = 3), sertralina (N = 2), citalopram (N = 2), fluoxetina (N = 1), fluvoxamina (N = 1) e escitalopram (N = 3), che hanno pensato ha riflesso la migliore auto-segnalazione paziente dei sintomi di ritiro di SSRI. Dall'informazione disponibile online, il genere è conosciuto per 4 pazienti (2 uomini e 2 donne), la lunghezza media del trattamento di SSRI (N = 9) era di 5,13 anni, varia 0.25-15 anni, mediana 4,5 e la durata media dei sintomi di ritiro (N = 7) era di 2,5 anni, varia 0.125-6 anni, mediana 2,1 anni. 58% dei pazienti (7 su 12) ha riferito i sintomi postwithdrawal persistenti: 3 di 3 pazienti di paroxetina, 2 di citalopram 2, 1 di 1 fluvoxamina, 1 di escitalopram 3 e nessuno sia dei pazienti della fluoxetina che di sertralina. I disordini postwithdrawal persistenti, che si presentano dopo 6 settimane di ritiro di droga, scompaiono raramente spontaneamente e sono sufficiente severi e rendenti non validi per avere pazienti restituiti al trattamento precedente della droga. Quando il loro trattamento della droga non è ricominciato, i disordini postwithdrawal possono durare parecchi mesi agli anni.

I sintomi emergenti postwithdrawal persistenti significativi celebri consistono dei disordini di ansia, compresi ansia e attacchi di panico generalizzati, insonnia tardiva e disordini depressivi compreso la depressione principale e la malattia bipolare. L'ansia, l'umore di disturbo, la depressione, i basculaggi asse verticali di umore, la responsabilità emozionale, l'insonnia persistente, l'irritabilità, la tolleranza allo stress difficile, la difficoltà di concentrazione e la memoria alterata sono i sintomi postwithdrawal più frequenti riferiti online. Conformemente ai dati dalle prove controllate, la auto-segnalazione online mostra la paroxetina per essere il più probabile da essere associato con i sintomi di ritiro, mentre fluoxetina i minimo. I forum online egualmente mostrano un'associazione fra ritiro del citalopram e vari sintomi postwithdrawal persistenti, duranti più di 4 mesi. La fluvoxamina sembra più di meno essere prescritta, ma ancora essere riferita online per causare il disordine di panico postwithdrawal; gli studi controllati egualmente hanno trovato la fluvoxamina da associare con un'alta frequenza dei sintomi di ritiro. Riguardo ai nuovi sintomi di ritiro secondari di SSRI, sono conosciuti per accadere dopo la sospensione della droga con una frequenza variabile e la durata, a partire da alcune ore fino a 6 settimane, secondo lo SSRI interrotte. La sue frequenza e severità variano pricipalmente secondo lo SSRI usato. Questo studio online conferma quelli riferiti per accadere nella letteratura con il più alta frequenza: emicranie, nausea, feci sciolti, vertigini, disorientamento, difficoltà di concentrazione, tinnito e andatura instabile. Quindi, c'è concordanza fra la nuova sintomatologia di ritiro di SSRI descritta in articoli scientifici ed i quei riferiti online dai pazienti. Come già discusso, un sintomo di ritiro rendente non valido ricorrente descritto online dai pazienti è “cervello zaps„, “sensazioni di scossa elettrica„, “colpisce e zaps„, là erano 5 pazienti inclusi chi ha avuto questi nuovi sintomi di ritiro. Anche dopo una droga molto graduale che affusola e nell'ambito del video attento dello psichiatra, i sintomi di ritiro nuovi ancora si presentano secondo la maggior parte dei studi, che egualmente è trovato in questo studio selfreporting paziente online.

Questa ricerca ha trovato un numero significativamente grande dei pazienti fuori da SSRI, descrivente lo stesso cluster dei sintomi di ritiro per un tempo maggiore di quanto preveduto. Il ritiro di paroxetina ed i sintomi postwithdrawal come riportato nella letteratura scientifica sono stati confermati come pure i nuovi sintomi secondari più frequenti hanno riferito nei test clinici controllati. La rivalutazione dei disordini postwithdrawal persistenti tardivi può anche fornire una migliore comprensione del rimbalzo, della ricorrenza e della ricaduta durante la terapia farmacologica antideprimente a lungo termine. I ricercatori principali dello studio, Carlotta Belaise, Ph.D, osservazioni: “Che cosa mi ha impressionato che esploro questi siti Web è stato che questi pazienti ritengono abbandonati dalla psichiatria ufficiale. La nuova ricerca su come interpretare ed indirizzare questa sintomatologia è male necessaria„.

 

Source:

Psychotherapy and Psychosomatics