Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il trattamento di PRP diminuisce il dolore in pazienti con il gomito del tennista cronico

Ottantaquattro per cento dei pazienti che soffrono dal gomito del tennista cronico (tendinopathy epicondylar laterale) hanno riferito significativamente meno dolore e tenerezza del gomito a sei mesi che seguono il trattamento ricco del plasma (PRP) della piastrina, secondo i risultati dal più grande, studio multicentrato, fin qui, su PRP e sul gomito del tennista, presentati oggi alla riunione annuale 2013 dell'accademia americana dei chirurghi ortopedici (AAOS).

Il gomito del tennista è uno stato comune e doloroso che pregiudica circa 1 - 2 per cento della popolazione. In questo studio, 230 pazienti che soffrono dal gomito del tennista cronico che era venuto a mancare terapie tradizionali sono stati curati a 12 centri medici degli Stati Uniti. I pazienti sono stati ripartiti con scelta casuale e ricevuto un'iniezione di PRP fatto dalle loro proprie piastrine concentrate, o un placebo, amministrato con un analgesico al sito di dolore.

A 12 settimane, 55,1 per cento dei pazienti di PRP riferiti hanno migliorato i punteggi di dolore confrontati a 47,4 per cento nel gruppo di controllo e 37,4 per cento riferiti la meno tenerezza del gomito contro 48,4 per cento nel gruppo di controllo. A 24 settimane, 71,5 per cento dei pazienti di PRP avevano migliorato i punteggi di dolore confrontati a 56,1 per cento nel gruppo di controllo e 29 per cento riferiti la meno tenerezza del gomito hanno confrontato a 54 per cento nel gruppo di controllo. A sei mesi, 83,9 per cento del gruppo PRP-trattato hanno riferito significativamente meno dolore e tenerezza del gomito, confrontati a 65,9 per cento del gruppo di controllo attivo.