Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La ricerca evidenzia i vantaggi della vitamina D, cambiamenti di dieta in pazienti con il morbo di Crohn

Gli studi presentati a DDW- 2013 evidenziano i vantaggi della vitamina D, cambiamenti di dieta, agopuntura

La ricerca presentata alla settimana di malattia digestiva (DDW) esplora i nuovi metodi per la gestione della salubrità digestiva con la dieta e lo stile di vita.

Le persone che soffrono dal morbo di Crohn sono contagiate spesso da forza muscolare, da fatica e da qualità di vita diminuite del povero. Questi sintomi possono rimanere anche quando i pazienti sono nella remissione. Ripartita le probabilità su, capanno mimetico del doppio, a studio controllato a placebo ha trovato per la prima volta che il completamento di vitamina D ha corrisposto a sollievo significativo di questi sintomi.

“I nostri risultati possono avere implicazioni significative per questi pazienti,„ ha detto Cesalpina Raftery, il dietista della ricerca ed il candidato di PhD alla Trinity College Dublino, Irlanda. “Questi risultati, a nostra conoscenza, sono i primi per suggerire i vantaggi potenziali del completamento di vitamina D su forza muscolare con i vantaggi corrispondenti per fatica e qualità di vita nel morbo di Crohn. Questi risultati, tuttavia, devono essere confermati nei più grandi studi.„

Lo studio ha trovato che dopo tre mesi di cattura dei 2000 IU della vitamina D al giorno, forza muscolare dei pazienti, misurata dall'impugnatura, era significativamente più alto in sia mani dominanti che non dominanti confrontate a quelle che catturano il placebo. I pazienti egualmente hanno riferito la fatica significativamente meno generale, fisica e mentale e un più di alta qualità di vita in cui i livelli di vitamina D erano di 75 mole nane per litro o più.

Lo scambio di dieta fornisce la bugna al livello di rischio di cancro colorettale

Edilizia sulla conoscenza crescente circa il microbiome umano, ricerca dall'università dell'Illinois, Urbana-Champagne; Università di Pittsburgh, PA; Università di Wageningen, Paesi Bassi; e l'università di Kwazulu Natal, Sudafrica, nuovi dati delle funzionalità sul microbiota e sul rischio di cancro colorettale. I ricercatori hanno trovato una variazione drammatica e rapida in microbiota dell'intestino dopo la commutazione della dieta negli individui sani da una dieta occidentale tradizionale ad una dieta africana zulù e viceversa. Costituito un fondo per da una concessione dagli istituti della sanità nazionali, i risultati dello studio mostrano i cambiamenti in microbiota dell'intestino che potrebbe spiegare i livelli di rischio di cancro colorettale.

“Gli afroamericani hanno il più alti incidenza del cancro e tassi di mortalità colorettali di tutti i gruppi razziali negli Stati Uniti. Le ragioni per questa ancora non sono capite,„ ha detto Franck Carbonero, socio di ricerca postdottorale all'università dell'Illinois aUrbana-Champagne. “I nostri risultati offrono la comprensione in questa disparità ed aprono la strada per la nuova ricerca.„

Durante lo studio, i ricercatori hanno alimentato a 20 Africani zulù 600 grammi di carne al giorno per due settimane ed alimentato a 20 afroamericani a Pittsburgh una dieta zulù tradizionale formata soprattutto ad un da un porridge basato a cereale ha chiamato il putu. Paragone dei campioni di feci prima e dopo lo scambio di dieta in ogni caso, ricercatori ha trovato i cambi spettacolari in microbiota colico.

“I nostri risultati indicano che il microbiota colico umano è modellato dalla dieta in un modo molto dinamico,„ hanno detto Rex Gaskins, il PhD, professore del Immunobiology all'università dell'Illinois aUrbana-Champagne. “Non solo quello, abbiamo osservato le alterazioni nel bilanciamento dei gruppi microbici utili e nocivi, che possono spiegare, in parte, l'aumento nel rischio di cancro colorettale che è conferito da una dieta occidentale.„

La nuova terapia needleless di agopuntura fa diminuire i sintomi di indigestione

Uno studio dalla Texas Tech University, da El Paso e dall'università di Mississippi, Oxford, tenute che promettono i risultati per i pazienti diabetici che soffrono dai sintomi di indigestione gradisce la nausea, il vomito, bloating ed il bruciore di stomaco. Lo studio ha verificato un nuovo metodo di terapia facendo uso di un dispositivo wireless su ordine per stimolare i punti di agopuntura con le onde elettriche sulla superficie dell'interfaccia piuttosto che i aghi di stampa.

“Le opzioni del trattamento per questo gruppo paziente sono severamente limitate,„ ha detto Richard McCallum, il MD, professore e la presidenza fondante della divisione della gastroenterologia, dipartimento di medicina, scienze di salubrità di Texas Tech University concentra. “Questo è un approccio novello a sollievo di sintomo che sormonta le imperfezioni di altre terapie.„

A causa delle opzioni farmacologiche limitate del trattamento disponibili, molti pazienti sviluppano una tolleranza a medicina prescritta. Ulteriormente, l'agopuntura tradizionale richiede ai pazienti di prendere gli appuntamenti di ripetizione e un timore dei aghi di stampa può renderlo indesiderabile per molti pazienti. L'unità wireless e needleless collaudata nello studio è stata progettata da Jiande Chen, il PhD, professore all'università di ramo medico del Texas a Galveston e che permette che i clinici adattino la frequenza e l'ampiezza delle onde elettriche usate per stimolare i punti di agopuntura.

Costituito un fondo per dalle concessioni dagli istituti della sanità nazionali, i pazienti sono stati incaricati di passare 240 minuti ogni giorno facendo uso dell'unità sui punti designati sull'organismo. Hanno tenuto i sintomi specifici tenenti la carreggiata di un gastroparesis del diario dettagliato ed il numero degli episodi del bruciore di stomaco al giorno.

Il Dott. McCallum ha lavorato con il professor Irene Sarosiek, MD, autore senior di tecnologia del Texas del collega di questo progetto, per analizzare i risultati di un periodo di uso di quattro settimane dell'unità. Confrontato al gruppo del placebo, l'unità ha migliorato significativamente cinque su nove sintomi di gastroparesis - vomitare è stato diminuito 39 per cento, la nausea da 30 per cento e bloating da 21 per cento. Il numero degli episodi del bruciore di stomaco è diminuito significativamente quando i pazienti hanno utilizzato lo stimolo attivo.

“Questi risultati iniziali emozionanti hanno grande potenziale per i pazienti,„ il Dott. McCallum ha detto. “Con le funzionalità personalizzabili dell'unità, possiamo esplorare regolare la terapia direttamente per mirare ai sintomi specifici.„

Sig.ra Raftery presenterà i dati dallo studio “il completamento di vitamina D migliora la forza muscolare, la fatica e la qualità di vita in pazienti con il morbo di Crohn nella remissione,„ Sa1198 astratto, sabato 18 maggio, alle 8 di mattina in Corridoio ad ovest 1A del centro di convenzione della contea di Orange.

Il Dott. Carbonero presenterà i dati dall'estratto Sa1965 di una dieta africana tradizionale di studio “fermentazione colica di dieta di impatto reciproco a breve termine di scambi e microbiota hydrogenotrophic per gli Africani indigeni che consumano una dieta occidentale tipica e gli afroamericani che consumano„, sabato 18 maggio, alle 8 di mattina in Corridoio ad ovest 1A del centro di convenzione della contea di Orange.

Il Dott. McCallum presenterà i dati dallo studio “terapia autosomministrata di agopuntura di Needleless alla dispepsia di controllo ed i sintomi di GERD in pazienti diagnosticati con Gastroparesis diabetico,„ estratto 749, lunedì 20 maggio, alle 3 del pomeriggio nella sala 102AB del centro di convenzione della contea di Orange.

Source:

Digestive Disease Week