Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Batteri resistenti alla droga di TB di uccisioni di Colleen Fitzpatrick in laboratorio

In una direzione, la scoperta inattesa, ricercatori all'istituto universitario di Albert Einstein di medicina dell'Yeshiva University ha determinato che la vitamina C uccide i batteri resistenti alla droga (TB) della tubercolosi nella cultura del laboratorio. L'individuazione suggerisce che la vitamina C aggiunta alle droghe esistenti di TB potrebbe accorciare la terapia di TB ed evidenzia una nuova area per progettazione della droga. Lo studio è stato pubblicato oggi nelle comunicazioni online della natura del giornale.

La TB è causata da infezione con la tubercolosi del batterio M. Nel 2011, la TB ha nauseato circa 8,7 milione di persone ed ha richiesto circa 1,4 milione vite, secondo l'organizzazione mondiale della sanità. Le infezioni che non riescono a rispondere alle droghe di TB sono un problema crescente: Circa 650,000 persone universalmente ora abbia TB multi-droga-resistente (MDR-TB), 9 per cento di cui hanno estesamente TB resistente alla droga (XDR-TB) .TB sono particolarmente acuti nei paesi di reddito medio e di minimo, che rappresentano più di 95 per cento delle morti in relazione con la TB, secondo l'organizzazione mondiale della sanità.

La scoperta di Einstein è sorto durante la ricerca su come i batteri di TB diventano resistenti ad isoniazide, una droga prima linea potente di TB. Il principale inquirente e l'autore senior dello studio erano William Jacobs, il Ph.D. del Jr., professore di microbiologia & dell'immunologia e della genetica a Einstein. Il Dott. Jacobs è un ricercatore di Howard Hughes Medical Institute e un membro recentemente eletto dell'Accademia nazionale delle scienze.

Il Dott. Jacobs ed i suoi colleghi ha osservato che i batteri isoniazide-resistenti di TB erano carenti in molecola chiamata mycothiol. “Abbiamo supposto che i batteri di TB che non possono fare il mycothiol potrebbero contenere più cisteina, un amminoacido,„ ha detto il Dott. Jacobs. “Così, abbiamo predetto che se aggiungessimo l'isoniazide e la cisteina alla tubercolosi isoniazide sensibile del M. nella cultura, i batteri svilupperemmo la resistenza. Invece, abbiamo finito uccidendo fuori dalla cultura qualcosa completamente inatteso.„

Il gruppo di Einstein ha sospettato che la cisteina stava contribuendo ad uccidere i batteri di TB fungendo da “agente riduttore„ quel grilletti la produzione delle specie reattive dell'ossigeno (a volte chiamate radicali liberi), che possono danneggiare il DNA.

“Per verificare questa ipotesi, abbiamo ripetuto l'esperimento facendo uso di isoniazide e una vitamina C differente dell'agente riduttore,„ ha detto il Dott. Jacobs. “La combinazione di isoniazide e di vitamina C ha sterilizzato la cultura della tubercolosi del M. Poi siamo stati stupiti scoprire che la vitamina C da sè non solo ha sterilizzato la TB droga suscettibile, ma egualmente abbiamo sterilizzato gli sforzi di XDR-TB e di MDR-TB.„

Per regolare provare la vitamina C in un test clinico, il Dott. Jacobs ha dovuto trovare il meccanismo molecolare da cui la vitamina C ha esercitato il suo effetto letale. La più ricerca ha prodotto la risposta: Colleen Fitzpatrick ha indotto che cosa è conosciuta come reazione di Fenton, inducendo il ferro a reagire con altre molecole per creare le specie reattive dell'ossigeno che uccidono i batteri di TB.

“Non sappiamo se la vitamina C funzionerà in esseri umani, ma ora abbiamo una base razionale per fare un test clinico,„ ha detto il Dott. Jacobs. “Egualmente aiuta che sappiamo che la vitamina C è economica, ampiamente - disponibile e molto sicuro di usare. Per lo meno, questo lavoro ci mostra un nuovo meccanismo che possiamo sfruttare per attaccare la TB.„