Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

L'appetito delle Cellule tumorali per lo zucchero può avere conseguenze gravi per la funzione delle cellule immuni

L'appetito delle Cellule tumorali per lo zucchero può avere conseguenze gravi per la funzione delle cellule immuni, ricercatori alla Scuola di Medicina dell'Università di Washington a St. Louis ha imparato.

Gli scienziati hanno trovato che quando hanno tenuto lo zucchero a partire dalle celle immuni critiche chiamate celle di T, le celle più non hanno prodotto la gamma dell'interferone, un composto infiammatorio importante per i tumori combattenti ed alcuni generi di infezione.

“Le celle di T possono entrare nei tumori, ma purtroppo sono spesso inefficaci ad uccidere le cellule tumorali,„ ha detto Erika Pearce, PhD, assistente universitario di patologia e l'immunologia. “La Mancanza della capacità di fare la gamma dell'interferone potrebbe essere una ragione per la quale non riescono ad uccidere i tumori. Capendo più circa come il metabolismo dello zucchero pregiudica la produzione dell'interferone, possiamo potere sviluppare i trattamenti che combattono i tumori migliorando la funzione A cellula T. „

Secondo Pearce, la produzione d'inibizione di gamma dell'interferone anche può aiutare gli scienziati a trattare i disordini autoimmuni in cui le celle di T causano troppa infiammazione.

I risultati compaiono 6 giugno in Cella.

Le comprensioni di Pearce sono risultato dalla sua ricerca sul metabolismo delle celle di T.

Come la maggior parte delle celle, le celle di T possono rendere ad energia l'uno o l'altro usando un trattamento efficiente chiamato fosforilazione ossidativa o una via meno efficiente chiamata glicolisi aerobica.

Le Celle fanno normalmente la maggior parte della loro energia via fosforilazione ossidativa, ma hanno bisogno dell'ossigeno di agire in tal modo. Se l'ossigeno funziona bruscamente, la maggior parte delle celle passano a glicolisi aerobica. I livelli A bassa percentuale di zucchero possono anche forzare le celle usare la fosforilazione ossidativa per la loro energia.

Gli Scienziati non sono sicuri perché, ma molte celle, compreso le celle di T, passano a glicolisi aerobica quando devono riprodurrsi rapido. Le celle di T proliferano rapidamente mentre cominciano a rispondere agli invasori o ai tumori e gli scienziati hanno presupposto che la loro opzione a glicolisi aerobica era essenziale per questo trattamento ripetitivo.

Per il nuovo studio, Chih-Hao Chang, il PhD, un ricercatore postdottorale nel laboratorio di Pearce ed il primo autore dello studio, hanno installato un sistema che ha permesso che lui gestisse le risorse disponibili alle celle di T in provette. Passando gli zuccheri disponibili alle celle lo ha lasciato forzare le celle usare la fosforilazione ossidativa o la glicolisi aerobica.

“La visualizzazione convenzionale era che proliferare le celle di T ha dovuto usare la glicolisi,„ Chang ha detto. “Abbiamo trovato che non era vero: hanno potuto anche usare la fosforilazione ossidativa per supportare la proliferazione.„

Dopo gli inizio di proliferazione, le celle di T possono sostenersi con l'uno o l'altro chefa il trattamento. Ma un problema è sorto quando gli scienziati hanno forzato le celle di T passare da glicolisi aerobica a fosforilazione ossidativa.

“Le proteine in questione nella glicolisi non scompaiono appena quando la glicolisi è girata fuori essi è proteine abbastanza stabili, in modo da possono appendere intorno nella cella e partecipare ad altri trattamenti,„ Pearce ha detto. “In celle di T questo può essere un problema da una di queste proteine, GAPDH, può inibire la produzione di gamma dell'interferone.„

Quando gli scienziati mettono le celle di T in un piatto con le cellule tumorali, che consumano regolarmente un gran numero di zucchero, la capacità delle cellule di T di fare i composti infiammatori è stata alterata. Ma quando i ricercatori hanno dato lo zucchero direttamente alle celle di T, la produzione di quei composti infiammatori si è raddoppiata.

“È come un interruttore on-off e tutto che dobbiamo fare per lanciarlo è cambiamento la disponibilità dello zucchero,„ Pearce ha detto. “Le celle di T possono andare spesso dappertutto - tumori, l'infiammazione, infezioni - ma a volte non fanno nulla. Se possiamo confermare che questa stessa opzione è compresa in questi errori nell'organismo, potremmo potere trovare un modo mettere la lotta nuovamente dentro quelle celle di T.„

Sorgente: Gli Istituti della Sanità Nazionali