Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I pazienti di PTSD con l'allele Met-66 di BDNF mostrano la risposta più difficile alla terapia dell'esposizione

Da un nuovo studio in psichiatria biologica

Sta coltivando la prova che una variante del gene che diminuisce la plasticità del sistema nervoso egualmente modula le risposte ai trattamenti per i disordini di ansia e dell'umore. In questo caso, i pazienti con disordine post - traumatico di sforzo, o PTSD, con una variante meno funzionale della codifica del gene per il fattore neurotrophic cervello-derivato (BDNF), hanno reagito meno bene alla terapia dell'esposizione.

Questo gene è stato implicato precedentemente nella risposta del trattamento. Gli studi di scienza di base hanno indicato in modo convincente che i livelli di BDNF sono un modificatore importante degli effetti terapeutici degli antideprimente nei modelli animali. Altri ricercatori hanno fatto i simili risultati in un piccolo gruppo di pazienti depressi curati con la ketamina rapida-agente dell'antideprimente. I bassi livelli del plasma di BDNF egualmente sono stati collegati agli effetti più difficili di ripristino conoscitivo nella schizofrenia. BDNF infuso direttamente nella corteccia prefrontale infralimbic in ratti è stato trovato per estinguere il timore condizionato ed i livelli di BDNF sono stati trovati per modulare la quantità di estinzione di timore.

“I risultati stanno accumulando per suggerire che BDNF sia un modificatore importante delle risposte ad una serie di interventi clinici, presumibilmente perché BDNF è così regolatore importante del neuroplasticity, cioè, la capacità del cervello di adattarsi,„ hanno detto il Dott. John Krystal, editore della psichiatria biologica.

In questo studio, i ricercatori dall'Australia ed il Porto Rico hanno collaborato per studiare l'influenza del genotipo di BDNF Val66Met sulla risposta alla terapia dell'esposizione in pazienti con PTSD. Hanno reclutato 55 pazienti, tutti di chi ha partecipato ad un ad un programma conoscitivo basato a esposizione di otto settimane di terapia di comportamento.

La terapia dell'esposizione è corrente il trattamento più efficace per PTSD, sebbene non funzioni per ognuno. Questo tipo di terapia è sessioni tra due persone multiple consegnate con un terapista formato, con uno scopo di diminuzione il timore e dell'ansia dei pazienti.

Hanno trovato che i pazienti con l'allele Met-66 di BDNF, rispetto ai pazienti con l'allele di Val/Val, hanno mostrato la risposta più difficile alla terapia dell'esposizione.

“Questo documento riflette un importante ed avanzamento significativo, nella traduzione dei risultati dirottura recenti in neuroscienza animale ed umana nelle popolazioni clinicamente ansiose,„ ha detto il primo Dott. Kim Felmingham dell'autore.

Ha aggiunto, “i risultati da questo studio supportano un comunemente ritenuto, ma in gran parte non provato, ipotesi che l'estinzione è necessaria per la terapia dell'esposizione. Egualmente fornisce la prova che i genotipi influenzano la risposta alla terapia di comportamento conoscitiva.„

Questa individuazione supporta la prova priore ed evidenzia l'importanza di considerazione dei genotipi come variabili potenziali del preannunciatore nei test clinici della terapia dell'esposizione.

Source: