Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il chirurgo fornisce l'orientamento per identificare i modi gestire i pazienti con apnea nel sonno

Sebbene altrettanto mentre 25 per cento dei pazienti che subiscono la chirurgia soffrono da apnea nel sonno, pochi ospedali abbiano polizze da contribuire a gestire i rischi di questa circostanza durante la chirurgia e ci sia poca prova per aiutare gli anestesisti ed i chirurghi della guida che si occupano di questi pazienti. In un nuovo editoriale in New England Journal di medicina, Stavros Memtsoudis, M.D., Ph.D., Direttore dei servizi critici di cura all'ospedale per ambulatorio speciale, New York, richieste per una nuova iniziativa di ricerca per identificare il più sicuro e nella maggior parte dei modi efficaci gestire i pazienti con apnea nel sonno.

L'apnea nel sonno, un disordine in cui gli arresti di una persona frequentemente che respirano in breve i periodi durante il sonno, non solo porta ad una notte agitata ma egualmente mette la persona al rischio aumentato di ipertensione, di diabete, di attacco di cuore e di colpo. Ma sebbene la circostanza sia più comune del diabete e posa i rischi particolari durante la chirurgia, relativamente poca ricerca è stato fatto per aiutare i clinici della guida.

“I pazienti con apnea nel sonno possono essere a rischio di molte complicazioni durante la chirurgia, compreso i problemi di bloccaggio della galleria di ventilazione e di intubazione,„ ha detto il Dott. Memtsoudis. “Ma quello non è tutto: sappiamo che l'apnea pregiudica molti altri sistemi dell'organo pure. La società americana degli anestesisti ha pubblicato nel 2006 le linee guida per aiutarci a catturare la migliore cura dei pazienti con apnea nel sonno, ma là essere-e ancora è--ricerca pochissima per supportare queste raccomandazioni.„

Le linee guida correnti raccomandano un periodo di valutazione preoperatoria per i pazienti con apnea nel sonno; l'uso di pressione positiva continua della galleria di ventilazione (CPAP); l'uso di anestesia locale o regionale o dei blocchi nervosi perioperative piuttosto che anestesia generale; e periodi estesi di osservazione del paziente durante il periodo post-chirurgico.

“Ma c'è prova insufficiente per dirci che se questi atti realmente hanno di effetto,„ ha detto il Dott. Memtsoudis. “E mentre continuiamo a vedere un aumento nel numero dei pazienti chirurgici con apnea nel sonno, crea un carico finanziario significativo per gli ospedali in un momento in cui le spese sanitarie stanno salendo alle stelle.„

Forse come conseguenza della mancanza di prova, meno di una in quattro ospedali negli Stati Uniti ed il Canada hanno le polizze per la gestione dei pazienti chirurgici con apnea nel sonno.

“Siamo fortunati, all'ospedale per ambulatorio speciale, avere la competenza e la logistica sul posto per fornire alla grande maggioranza dei nostri pazienti l'opzione per ricevere l'anestesia regionale, il CPAP perioperative ed il video se necessario e reputato appropriati. Ma siamo consci che questi approcci richiedono le estese risorse che possono essere dure da regolare dato l'alti costo e mancanza di prova che vero cambiano i risultati.„

L'anestesia regionale, per esempio, ha costi diretti che sono simili all'anestesia generale, ma richiede la competenza e le risorse che non sono disponibili dappertutto. Nel resto del paese, tre quarti delle procedure unite della sostituzione è eseguito nell'ambito dell'anestesia generale.

A maggio, il Dott. Memtsoudis ha pubblicato il primo studio fin qui che fornisce la prova circa le tecniche specifiche per la gestione sicura dei pazienti l'ambulatorio circostante dell'apnea nel sonno. Quello studio ha trovato che l'uso dell'anestesia regionale, piuttosto che l'anestesia generale, ha diminuito le complicazioni importanti da 17 per cento in pazienti con apnea nel sonno che subisce l'ambulatorio unito.

“Abbiamo bisogno della molto più ricerca come questo,„ ha detto.

Lavorando con i membri chiave di nuova società per la medicina di sonno e dell'anestesia, il Dott. Memtsoudis ed i suoi colleghi dal ministero della salute pubblica alla Cornell University ora stanno progettando “uno studio multicentrato di prova basata pratica„ che raccoglierà i dati dalle istituzioni che hanno pratiche varianti riguardo alla gestione di apnea nel sonno in pazienti chirurgici. “Questo ci aiuterà a valutarlo che cosa funziona e che cosa non funziona e chi fra i pazienti dell'apnea nel sonno è realmente al rischio,„ ha detto. “Non possiamo sostenere appena che la gente continua fare che cosa stanno facendo senza prova per.„

Source:

New England Journal of Medicine