Raccomandazioni aggiornate di EULAR per la gestione dell'artrite reumatoide

Uso di indirizzo di raccomandazioni delle droghe anti-reumatiche dimodificazione sintetiche e biologiche

La lega europea contro reaumatismo (EULAR) ha rilasciato le raccomandazioni aggiornate per la gestione di RA. Secondo questo ultimo orientamento, il trattamento con la malattia-modificazione delle droghe anti-reumatiche (DMARDs) dovrebbe essere iniziato non appena una diagnosi di RA è fatta, allo scopo di raggiungere un obiettivo della remissione o dell'attività bassa di malattia in ogni paziente.

Come trattamento prima linea, EULAR raccomanda i reumatologi amministra il methotrexate (MTX) o la terapia di combinazione di MTX con l'altro DMARDs sintetico convenzionale. i glucocorticoids della Basso dose dovrebbero anche essere considerati congiuntamente a DMARDs per fino a sei mesi, ma dovrebbero essere affusolati non appena clinicamente fattibili.

“Queste raccomandazioni sono state basate su tre estese revisioni bibliografiche dell'efficacia e della sicurezza di DMARDs biologico e convenzionale ed indirizzano una serie di interpretazioni errate comuni delle 2010 linee guida,„ secondo il professor Josef Smolen, università medica di Vienna e l'ospedale di Hietzing, Vienna. “Come già specificato nel 2010, sostenendo l'uso di DMARDs sintetico, piuttosto che il biologics, come il trattamento prima linea questo approccio evita il sovra-trattamento di 20-50% dei pazienti con RA in anticipo, che raggiungerà l'obiettivo del trattamento con tale terapia iniziale„ che ha concluso per la forza convenzionale.

Tuttavia, in pazienti non riuscire a reagire a questo trattamento entro 6 mesi e quando i fattori prognostici difficili sono DMARDs attuale e biologico (TNF-inibitori, abatacept o tocilizumab - o in determinate circostanze rituximab) dovrebbe essere amministrato congiuntamente a MTX.

Il documento ulteriore raccomanda che i pazienti che non sono riuscito a rispondere ad un DMARD biologico iniziale dovrebbero ricevere un altro DMARD biologico. I pazienti che non sono riuscito a rispondere ad un TNF-inibitore iniziale possono ricevere un altro TNF-inibitore, o un biologico con un modo alternativo di atto. Se il trattamento biologico è venuto a mancare, il tofacitinib può essere considerato dove approvato.

“Sebbene l'Agenzia europea per i medicinali non abbia approvato fino ad ora il tofacitinib, è stato approvato dagli Stati Uniti Food and Drug Administration come pure nel Giappone ed in Russia. Pesando sulla prova, la forza convenzionale è convinta della sua efficacia sui risultati, sulla funzione e sulla struttura clinici. Tuttavia, finché più dati della sicurezza non siano disponibili ed efficacia giudicati nella pratica clinica, il tofacitinib è raccomandato soltanto dopo che almeno uno biologico è venuto a mancare - infatti, molti membri della forza convenzionale hanno ritenuto che dovrebbe essere usato dopo due errori biologici del trattamento,„ il professor conclusivo Smolen.

Se un paziente ha raggiunto la remissione persistente e dopo ha affusolato i glucocorticoids, i clinici dovrebbero studiare la possibilità di affusolare il DMARD biologico, specialmente se il trattamento è congiuntamente ad un sintetico convenzionale DMARD. Nei casi della remissione a lungo termine continua, la dose-riduzione prudente di DMARDs sintetico convenzionale dovrebbe essere considerata.

Oltre alle ultime raccomandazioni del trattamento, le linee guida egualmente contengono una serie di principi d'incurvatura che indirizzano la cura paziente. Le linee guida raccomandano che il fornitore di cure mediche primario ai pazienti del RA dovrebbe essere un reumatologo. Inoltre, il video dell'attività di malattia dovrebbe avere luogo ogni un - tre mesi dipendenti dall'attività di malattia, con le alterazioni alla terapia considerata se nessun miglioramento è osservato entro dopo trattamento tre mesi, o se l'obiettivo non è stato raggiunto entro sei mesi. Tutti gli inizio ed adeguamenti della terapia dovrebbero essere procedere a come decisione comune fra il paziente ed il clinico, con i fattori compreso attività di malattia, la progressione di danno strutturale, le co-morbosità ed i problemi di sicurezza considerati.