Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La fermata delle droghe del colesterolo può aumentare il rischio di malattia del Parkinson

La gente che smette di catturare le droghe del colesterolo può essere ad un rischio aumentato per sviluppare la malattia del Parkinson, secondo la ricerca che compare nell'emissione online del 24 luglio 2013 della neurologia®, il giornale medico dell'accademia americana della neurologia. Gli studi precedenti sulla relazione fra le droghe del colesterolo chiamate statins ed il rischio di malattia del Parkinson hanno avuti risultati contradditori.

Lo studio corrente ha compreso 43,810 persone in Taiwan che stava catturando gli statins e non ha avuto malattia del Parkinson. La polizza obbligatoria di risarcimento di programma del servizio sanitario nazionale di Taiwan richiede che medici smettano di prescrivere gli statins una volta gli sbracci del colesterolo del paziente lo scopo del trattamento, che è contrario al trattamento standard negli Stati Uniti.
“Questa polizza ha permesso che noi vedessimo se c'fosse qualunque differenza nel rischio di Parkinson nella gente che ha smesso di catturare gli statins confrontati a quei che continuassero catturarli,„ ha detto lo studio l'autore Jou-Wei Lin, il MD, PhD, della National Taiwan University in Taipei.

Lo studio ha trovato una differenza fra due tipi di statins. L'uso di lipofilico, o di solubile nel grasso, gli statins quale le simvastatine e le atorvastatine è stato associato con un rischio diminuito di Parkinson, mentre nessun'tale associazione è stata trovata per idrofilo, o solubile in acqua, di statins quale le pravastatine e di rosuvastatine.

Coloro che ha smesso di catturare gli statins solubili nel grasso erano 58 per cento più probabili da sviluppare la malattia del Parkinson che coloro che ha continuato catturare le droghe, un rischio assoluto di 2,65 casi agli un milione di persona-giorni. Questo risultato era coerente anche dopo registrare per ottenere altri termini quali il diabete e l'ipertensione.

Lo studio egualmente ha esaminato cui la gente che cattura i due tipi di statins ha sviluppato la malattia del Parkinson, confrontato al numero dei persona-giorni passare sul farmaco per fornire una tariffa di incidenza. Complessivamente 25 persone che catturano gli statins solubili nel grasso hanno sviluppato Parkinson a partire da complessivamente quasi 15 milione persona-giorni sulle droghe, per una tariffa di 1,68 casi agli un milione di persona-giorni sulle droghe. Per gli statins solubili in acqua, 14 persone hanno sviluppato Parkinson a partire dai quasi quattro milione persona-giorni sulle droghe, per una tariffa di 3,52 casi agli un milione di persona-giorni sulle droghe.

“Gli statins solubili nel grasso possono meglio attraversare la barriera ematomeningea che gli statins solubili in acqua,„ Lin ha detto.

Source:

The American Academy of Neurology