Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Molte donne muoiono dovuto cad, eppure meno probabilmente ricevere le raccomandazioni preventive

Malgrado la coronaropatia (CAD) che uccide ogni anno almeno altrettante donne come uomini, le donne sono ancora oggi meno probabili ricevere le raccomandazioni preventive, quale la terapia di riduzione dei lipidi, aspirina e consiglio di stile di vita, degli uomini ad un simile livello di rischio. Le sfide per le donne con cad sono descritte in un documento in edizione di questo mese di cuore globale, il giornale della federazione del cuore del mondo. Il documento, nominato “coronaropatia in donne: Un aggiornamento 2013„, è dal Dott. Kavita Sharma e dal Dott. Martha Gulati, l'Ohio State University, Columbus, OH, U.S.A.

Universalmente, 8,6 milione donne muoiono ogni anno dalle malattie cardiovascolari (CVD, che comprende il cad), rappresentando un terzo di tutte le morti in donne. Universalmente, 17,3 milione di persone sono morto da CVDs nel 2008, rappresentando 30% di tutte le morti globali, accadendo quasi ugualmente negli uomini e nelle donne. Il CVD rimane la causa della morte di numero uno sia nei generi universalmente che i numeri delle morti di CVD sono aggettati aumentare da ora al 2030 a 23,3 milioni.

“il cad è una causa della morte principale delle donne e degli uomini universalmente. Eppure l'impatto del cad sulle donne è stato tradizionalmente poco apprezzato dovuto le più alte tariffe alle più giovani età negli uomini,„ dica gli autori. “La malattia coronarica microvascolare pregiudica sproporzionatamente le donne. Le donne hanno fattori di rischio unici per cad, compreso quelli relativi alla gravidanza ed alla malattia autoimmune. I dati di prova indicano che il cad dovrebbe essere gestito diversamente in donne.„

Il cad è la causa della morte principale per sia gli uomini che donne in U.S.A. (e la maggior parte degli altri paesi sviluppati). “Più donne che gli uomini muoiono di cad e più donne sono morto da cad che di cancro (cancro al seno compreso), della malattia respiratoria, del morbo di Alzheimer e degli incidenti più bassi cronici combinati,„ dica gli autori. Ci sono stati le certe buone notizie, in quanto dal 1998 al 2008, la tariffa della morte da cad hanno diminuito 30% in U.S.A. (con le simili cadute in altri paesi sviluppati); tuttavia, le tariffe realmente stanno aumentando di più giovani donne di 55 anni e sotto dovuto vari fattori di rischio.

Una ricchezza della ricerca da qualche anno ha indicato che non solo ha il carico di cad stato poco apprezzato in donne, ma anche che può sviluppare diversamente in donne che negli uomini. I fattori di rischio differenti sembrano pregiudicare diversamente i sessi, con il rischio aumentante dell'obesità di cad da 64% in donne ma da soltanto 46% negli uomini. Le donne che soffrono un attacco di cuore in relazione con il cad ad una più giovane età (meno di 50 anni) sono due volte probabili morire come uomini in simili circostanze. Fra le persone più anziane (sopra l'età di 65), le donne sono più probabili morire nel primo anno dopo un attacco di cuore. In generale, 42% delle donne che fanno morire gli attacchi di cuore in 1 anno, confrontato a 24% degli uomini. E basato sui preventivi riuniti dai paesi multipli, le donne sono egualmente 20% più probabili soffrire l'angina che gli uomini.

Le scansioni di CT ed altre tecniche di rappresentazione indicano che le donne hanno arterie coronarie più strette degli uomini e sono più probabili soffrire il cad dovuto la malattia microvascolare. Così mentre sembrano non avere ostruzioni importanti dell'arteria coronaria, donne soffra i sintomi dovuto i bloccaggi di queste più piccole imbarcazioni. Oltre a metà delle donne sintomatiche senza cad ostruttivo continui ad avere i segni e sintomi di ischemia ed a subire l'ospedalizzazione di ripetizione e l'angiografia coronaria.

Le donne egualmente sembrano avere maggiori tariffe di erosione coronaria della placca (dove c'è abrasione alla superficie di una placca, inducente i coaguli di sangue a formarsi). Gli uomini sono più probabili avere cad ostruttivo, che è veduto solitamente quando qualcuno ha un attacco di cuore. Questo tipo di cad è veduto meno frequentemente in donne. I fattori di rischio tradizionali quali l'età, la storia della famiglia di cad, l'ipertensione, il diabete, la dislipidemia, il fumo e l'inattività fisica sono preannunciatori importanti del rischio in donne. Contrariamente all'aumento lineare nel cad in uomini poichè invecchiano, c'è un aumento più esponenziale nel cad in donne dopo l'età di 60.

Altre differenze esistono in termini di rischio di cad in donne. Se una donna ha un parente di primo grado che ha avuto cad, questo aumenta il suo rischio di più di per un uomo. Il diabete aumenta il rischio di una donna di cad entro 3-7 volte, mentre per gli uomini è soltanto 2-3 volte. E una donna diabetica è 3 volte più probabile da sviluppare il cad che una donna non diabetica.

La mancanza di idoneità fisica è egualmente un fattore di rischio cruciale, con una rappresentazione di studio (le donne di St James catturano il progetto del cuore) che le donne incapaci di effettuare le prove di base di forma fisica erano tre volte più probabili da sviluppare il cad che le donne più adatte. L'attività fisica aumentante è una componente chiave campagna del vostro scopo del mondo della federazione del cuore “rende ad un cuore sano„, funzionante in società con i campionati europei del calcio delle donne di questo mese. La malattia di cuore in donne egualmente sarà un fuoco importante del giorno del cuore del mondo di WHF, che ha luogo il 29 settembre. Ancora, la parte della strategia globale di WHF è stata allineata rispetto a quella del WHO per diminuire la mortalità prematura relativa da ora al 2025 alle malattie non comunicative, compreso CVD, da 25%.

Le donne sono egualmente più probabili degli uomini per soffrire le malattie autoimmuni, sollevanti il loro rischio di cad, sindrome policistica dell'ovaia, pre-eclampsia ed il diabete gestazionale sono tutte le circostanze che possono infine aumentare il rischio di cad in donne, come è cancro al seno. Gli autori dicono: “Come recentemente è stato riferito, sebbene avanzamenti nelle terapie del cancro al seno stanno migliorando la sopravvivenza nel cancro al seno in anticipo, i guadagni stanno attenuandi aumentando il rischio di cad. Se il rischio aumentato di cad è dovuto le terapie del cancro al seno o alla malattia stessa - che è associata con alcuni degli stessi fattori di rischio per cad - rimane sconosciuto.„

Gli autori dicono che la consapevolezza dell'impatto tremendo di cad ha sulle donne fra le donne stesse lentamente sta aumentando. Nel 1997, soltanto 30% delle donne americane esaminate erano informati che la causa della morte principale in donne è cad; ciò aumentata nel 2009 a 54%. Ma in un'indagine ha eseguito nel 2004, più poco di 1 in 5 medici ha riconosciuto che più donne che gli uomini muoiono ogni anno da cad. Ancora, ripristino cardiaco dopo che gli attacchi di cuore è sottoutilizzato, specialmente in donne, come dimostrato nei numerosi studi nazionali. Le donne sono 55% meno probabili partecipare al ripristino cardiaco che gli uomini sono.

Gli autori concludono: “Le donne sono influenzate da cad in grandi numeri ed in larga misura. Il cad è la causa principale della mortalità in donne. La manifestazione di cad ha caratteristiche uniche in donne. I dati aumentanti dimostrano che alcune strategie del trattamento hanno efficacia sesso-specifica. Ulteriore ricerca per quanto riguarda la patofisiologia di cad in donne, nella diagnosi e nelle strategie del trattamento specifiche alle donne è richiesta. Il cad non è la sola„ malattia “di un uomo ed attendiamo ardentemente gli studi futuri che esaminano la sua presenza unica in donne.„