Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova chemioterapia fornisce i risultati positivi per i cancri difficili da trattare di infanzia pochi effetti collaterali

I bambini con un cancro particolarmente letale potrebbero trarre giovamento potenzialmente dal trattamento di salvataggio, seguente il lavoro dell'innovazione piombo dai ricercatori all'università di New South Wales (UNSW).

Un'intera nuova classe di droghe è stata sviluppata che, per la prima volta, mira alla struttura della cellula tumorale.

I ricercatori di UNSW hanno fornito la prova che la terapia è efficace in due tipi di cancri nel modello animale. Sono neuroblastoma, un cancro che pregiudica i bambini e melanoma. Il documento risultante è stato pubblicato nella ricerca sul cancro.

“È tanto come che cosa accade quando vedete un'edilizia sprofondare sulle notizie della TV,„ dice l'autore principale, il professor Peter Gunning, dalla medicina di UNSW.

“La nostra droga induce la struttura della cellula tumorale a sprofondare - ed accade relativamente rapidamente.

“Siamo stati sorpresi ed eccitato dal potenziale di questo trattamento,„ dice il professor Gunning, la testa dell'unità di ricerca dell'oncologia, nel banco delle scienze mediche.

La droga guarda per essere efficace contro ogni tipo di cellula tumorale.

Il lavoro potrebbe piombo ad un assolutamente nuovo tipo di chemioterapia, in grado di avere più risultati positivi per i cancri difficili da trattare ed avere meno effetti collaterali a lungo termine per i superstiti.

“Attaccare l'architettura della cellula tumorale lungamente è stato un obiettivo ovvio, ma finora, hanno fallito perché le particelle elementari della struttura della cellula tumorale egualmente sono utilizzate per costruire il cuore ed il muscolo, in modo dalla tossicità era inaccettabile,„ dice il primo autore sul documento, il Dott. Justine Stehn, anche dall'unità di ricerca dell'oncologia.

Ma il gruppo riconosciuto là era una seconda “particella elementare„, la tropomiosina della proteina, nella struttura di cellula tumorale che era sufficiente differente da quelle nel cuore e nel muscolo, che potrebbero essere mirati a sicuro.

Ciò ultimo lavoro è rivendicazione per il gruppo del professor Gunning che era solo nella sua teoria circa l'architettura delle celle. Il gruppo di UNSW è creduto di essere quello solo che lavora in questa area internazionalmente.

Poichè la tossicità era stata uno scoglio importante nella ricerca più iniziale, i finanziatori possibili erano insufficienti.

Il professor Gunning dice che il contributo finanziario del progetto del Cancro dei capretti è il solo modo questa ricerca è stata possibile.

“Questa ricerca apre una porta su qualcosa l'industria farmaceutica e la scienza ha smesso su 25 che anni fa,„ dice il CEO del progetto del Cancro dei capretti, Peter Neilson.

“Lo mostra che la fede del nostro fondatore in questo lavoro era giusta,„ dice. “Continueremo ad investire in questo e siamo determinati per vederlo entrare in test clinici in bambini con il neuroblastoma difficile da trattare.

“Entrerebbe normalmente in adulti e richiederebbe 7 - 8 anni da trialled in capretti,„ dice il sig. Neilson.

I primi test clinici sono preveduti nel 2015.

“Il Cancro in bambini non è il risultato delle emissioni di stile di vita, in modo da state contando su ricerca medica per vedere tutto il miglioramento nei tassi di sopravvivenza,„ dice il decano della medicina di UNSW, il professor Peter Smith, che è egualmente la presidenza del comitato consultivo della ricerca del progetto del Cancro dei capretti.

Il cancro di infanzia è la singola più grande causa della morte dalla malattia in bambini australiani, con tre bambini un la settimana morenti dalla circostanza.

“Negli anni 60, meno di 10 per cento dei bambini hanno sopravvissuto al cancro ed ora è 80 per cento,„ dice il professor Smith, che ha fatto una campagna per avere chemioterapia utilizzata in bambini negli anni 70, miglioranti drammaticamente i tassi di sopravvivenza. “Quel miglioramento è tutto giù da ricercare. Così mostra quanto importante queste associazioni sono.„