Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo studio suggerisce che Braintone abbia effetti neuroprotective da su lesione cerebrale indotta da ischemia

Recentemente, l'importanza dell'unità neurovascular, che è compresa i neuroni, le celle endoteliali ed i astrocytes, ha ricevuto la grande attenzione nel campo del colpo, perché il colpo pregiudica non solo i neuroni, ma anche dei astrocytes e dei microvessels. All'interno dell'unità neurovascular, le celle endoteliali sono critiche per il mantenimento dell'omeostasi emodinamica e metabolica normale. Il danno vascolare durante l'ischemia piombo spesso alla rottura della barriera ematomeningea e del dysregulation del tonus vascolare, finalmente causanti la morte sostanziale delle cellule. Le erbe cinesi Rhodiolase, Notoginseng, ginkgo del Folium e Rhizoma Chuanxiong sono state utilizzate per il trattamento dipendente del colpo in Cina per anni. Braintone contiene quattro principi attivi importanti: Essenza di Rhodiolase di base (un componente importante del rosea L. di Rhodiola), essenza di Notoginseng di base, essenza del ginkgo del Folium e Rhizoma Chuanxiong.

Uno studio recente pubblicato nel romanzo combinato neurale di ricerca di rigenerazione (volume 8, no. 19, 2013) in vivo e negli esperimenti in vitro alla manifestazione che la dose-dipendente di Braintone ha aumentato l'espressione del fattore viscoelastico 1α di ipossia, del heme oxygenase-1 e del fattore di crescita endoteliale vascolare nella corteccia ischemica dei ratti con l'occlusione media dell'arteria cerebrale. Braintone-contenere i livelli aumentati siero di fattore ipossia-viscoelastico 1α mRNA e proteina e fattore di crescita endoteliale vascolare elevato mRNA ed espressione della proteina del heme oxygenase-1 in un modo dipendente dalla dose in celle endoteliali umane del filone ombelicale dopo privazione dell'glucosio-ossigeno. Collettivamente, questi risultati sperimentali suggeriscono che Braintone abbia effetti neuroprotective da su lesione cerebrale indotta da ischemia via il su-regolamento del fattore ipossia-viscoelastico 1α, del heme oxygenase-1 e dell'espressione di fattore endoteliale vascolare della crescita in celle endoteliali vascolari.