Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Più vecchie sfide uniche attuali dei pazienti di cuore per la determinazione dei dosaggi ottimali dei farmaci

Le più vecchie sfide uniche attuali dei pazienti di cuore per la determinazione dei dosaggi ottimali dei farmaci, in modo da un nuovo studio dai ricercatori a duca Medicine offre una certa chiarezza rara circa l'uso delle droghe che sono usate per curare i pazienti con gli attacchi di cuore.

Per i pazienti di cuore sicuri più vecchi dell'età 75, di una mezzo dose degli impianti del prasugrel della droga della anti-piastrina circa come pure del dosaggio tipico di clopidogrel, secondo un gruppo piombo dall'istituto di ricerca di duca Clinical che ha esaminato uno sotto-studio di grande test clinico.

“Poichè la gente vive più lungamente nel mondo intero, è sempre più importante stabilire i trattamenti appropriati per i termini quali le sindromi coronariche acute che si presentano comunemente più successivamente nella vita,„ ha detto Matthew T. Roe, M.D., MHS, professore associato di medicina a duca e autore principale deun 20 agosto 2013 pubblicato studio, nella circolazione del giornale.

“Questi pazienti sono molto vulnerabili agli effetti secondari, compreso spurgo, se le terapie non sono dosate correttamente,„ Roe hanno detto. “Ulteriormente, le linee guida di pratica attuali hanno poche raccomandazioni specifiche per i pazienti più anziani con le sindromi coronariche acute poichè poca prova è stata accresciuta dai test clinici priori in questa popolazione.„

La gente più vecchia dell'età 75 comprende meno di 10 per cento la popolazione degli Stati Uniti, ma rappresenta 35 per cento dei pazienti con la sindrome coronarica acuta (ACS), che comprende un attacco di cuore recente o un dolore toracico instabile. ACS è trattato tipicamente con le terapie della anti-piastrina.

Gli studi più iniziali, per esempio, avevano indicato che il prasugrel dell'inibitore della piastrina ha diminuito il rischio di risultati avversi rispetto a clopidogrel nei pazienti di ACS che subiscono l'impianto coronario dello stent. Quegli studi hanno usato una dose iniziale di mg 60 seguita da una dose di manutenzione di 10 mg/giorno.

A quel livello di dosaggio, tuttavia, i pazienti più vecchi dell'età 75 hanno avuti un rischio aumentato di spurgo intracranico ed interno, come hanno fatto i più giovani pazienti che pesano 132 libbre o di meno. I risultati piombo agli avvisi dagli Stati Uniti Food and Drug Administration e l'Agenzia europea per i medicinali per l'uso della dose di manutenzione di 10 mg/giorno di prasugrel in quelle popolazioni ed alla considerazione di una dose diminuita (5 mg/giorno) attenuare le complicazioni di spurgo.

Per esaminare se i pazienti più anziani potrebbero trarre giovamento da un dosaggio più basso di prasugrel, dai i ricercatori guidati da duca hanno analizzato più di 2.000 pazienti più anziani che hanno partecipato ad una grande prova chiamata TRILOGY ACS che ha paragonato il prasugrel a clopidogrel per gestire le sindromi coronariche acute senza chirurgia di impianto coronario dello stent o di esclusione coronaria.

I risultati da questo studiano, i primi dati a lungo termine sui risultati specificamente dai pazienti anziani curati con la dose diminuita di prasugrel, determinata che un più piccolo dosaggio di 5 mg/giorno di prasugrel non ha presentato maggior rischio di problemi di spurgo che la dose comunemente prescritta di mg 75 di clopidogrel nella popolazione anziana.

“I risultati dal nostro studio indicano quanto difficile è di identificare la giusta dose dei farmaci dicoagulazione per gli anziani, per migliorare i risultati dopo un attacco di cuore,„ ha detto il co-author Magnus Ohman, professore di medicina a duca e presidente dello studio della TRILOGIA ACS. “Mentre una dose più bassa è sembrato intuitiva, era sicura ma più efficace. Gli studi dedicati futuri devono continuare a trovare le giuste terapie per i pazienti anziani vulnerabili.„

Source:

Duke Medicine