Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Dunking in vasca dell'post-esercizio dell'acqua ghiacciata fa diminuire la resistenza, dolore

Dunking in una vasca di acqua ghiacciata dopo l'esercizio - un regime sorprendente popolare di post-allenamento usato dagli atleti per diminuire ripristino di velocità e di infiammazione - è che richiede tempo e osso-achingly doloroso. La nuova ricerca dall'università  del New Hampshire trova che non può essere efficace, neanche.

In uno studio ha pubblicato nel giornale europeo della fisiologia applicata, i ricercatori riferiscono che oggetti della ricerca che si sono impegnati in cryotheraphy di post-esercizio, o bagni di ghiaccio, non hanno mostrato diminuzione di perdita di resistenza di post-esercizio o hanno fatto diminuire il dolore confrontato ad un gruppo di controllo.

“Non vi aiuta a ritenere migliore e non vi aiuta ad eseguire meglio,„ dice il cristallo '11G di Naomi del ricercatore del cavo. “I bagni di ghiaccio sono molto popolari come trattamento, ma la ricerca è realmente mista se sono utili. Sono miseri. Se non funziona, non volete sprecare il vostro tempo.„

Lo studio era tesi della laurea del cristallo; i co-author sono professore associato di UNH della cinesiologia Dain La Roche, assistente universitario del cuoco dell'estate della cinesiologia e del professore associato delle scienze molecolari, cellulari e biomediche Dave Townson.

Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato ricreativo 20 esseri in corsa per attivi degli uomini dell'istituto-età 40 minuti in discesa ad un grado di -10 per cento. La metà degli oggetti poi ha presentato ad un bagno di ghiaccio minuto 20, stante in un recipiente di riciclaggio alto riempito di ghiaccio alla coscia raffreddato ad acqua ai cinque gradi freddi centigradi (40 gradi di Fahrenheit). “Che è realmente freddo,„ il cristallo ammette. “Ho avuto alcuni tipi vicino agli strappi.„

L'a cristallo era interessato nell'effetto del bagno di ghiaccio su dolore, su resistenza, sul gonfiamento e sull'infiammazione. I ricercatori hanno condotto le tre misure di post-esercizio approntate ad intervalli a partire da un'ora ai tre giorni: hanno misurato il dolore percepito degli oggetti mentre camminavano giù le scale; resistenza provata del quadriceps su un commputer di resistenza; circonferenza misurata della coscia; ed esaminato la concentrazione di legante 2 (CCL2), un indicatore di chemokine del plasma per infiammazione, in campioni di sangue.

I ricercatori non hanno trovato differenza nella resistenza o hanno percepito il dolore fra gli oggetti che hanno catturato i bagni di ghiaccio ed il gruppo di controllo. La circonferenza della coscia non è cambiato significativamente per c'è ne degli oggetti dopo l'esecuzione.

Differenza fra concentrazioni del CCL2 le due dei gruppi, mentre non statisticamente significativo, indicato una tendenza verso le concentrazioni più basse negli oggetti cryotherapy, sebbene questa misura vari notevolmente fra gli oggetti. “Lo studio ha suggerito che ci potrebbe essere una riduzione delicata dell'infiammazione, ma non era conclusiva,„ dice La Roche, che era il Consigliere del cristallo.

La mancanza di differenza fra il controllo ed il gruppo cryotherapy ha sorpreso i ricercatori. “Ho pensato vedere un miglioramento nel dolore, un miglioramento nella resistenza con il bagno di ghiaccio,„ dice il cristallo. Nota che la ricerca sui bagni di ghiaccio ha prodotto un intervallo dei risultati, in parte perché non c'è protocollo standard per il trattamento.

La Roche loda la progettazione dello studio del cristallo per le misure biochimiche, fisiche e soggettive usando, un approccio che ha attraversato le righe ministeriali per fare partecipare i co-author dal suoi dipartimento come pure Townson, dall'istituto universitario delle scienze biologiche e dell'agricoltura. “Ha avuta vari modi di esame se i bagni di ghiaccio erano efficaci o non,„ lui dice.

Mentre i ricercatori specificano che il loro studio non supporta l'uso di cryotherapy per il ripristino dall'esercizio, la visualizzazione personale del cristallo è moderata. “Sono non convinto che non aiuti affatto,„ lei dico. “Usili con parsimonia. Utilizzili nelle situazioni di torneo, usile con un atleta che ha fatto qualche cosa di straordinario. Ma per gli atleti quotidiani, non li raccomanderei. Sono dolorose e sono che richiede tempo.„

L'articolo, “l'effetto di cryotherapy sul ripristino del muscolo e l'infiammazione che segue un periodo dell'esercizio offensivo,„ è accessibili in linea nel giornale europeo della fisiologia applicata.

Source:

The University of New Hampshire