Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il migliore modo proteggere gli infanti da influenza è di vaccinare il resto della famiglia

Un'università di studio di Sydney ha trovato il migliore modo proteggere i bambini al di sotto di sei mesi dell'età da influenza, il più vulnerabile della popolazione alla circostanza, è di vaccinare il resto della famiglia.

I dati dalla ricerca stanno presentandi al congresso internazionale della pediatria, che comincerà domani a Melbourne. Ciò è la prima volta l'evento è stato tenuto in Australia.

Lo studio, dall'attivo pediatrico dell'università ha migliorato l'unità di sorveglianza (PAEDS) di malattia, infanti inclusi sotto sei mesi ammessi con influenza laboratorio-confermata all'ospedale pediatrico a Westmead (CHW) durante la pandemia di influenza di maiali nel 2009.

Di 32 infanti invecchiati al di sotto di sei mesi ammessi all'ospedale con influenza, 28 per cento hanno sviluppato le complicazioni serie, 22 per cento di polmonite sviluppata e 16 per cento sono stati ammessi all'unità di cure intensive. Degli infanti, 57 per cento hanno avuti malattia respiratoria in corso dopo il rilascio dall'ospedale, mentre 21 per cento rappresentato al pronto soccorso entro sei mesi della loro ammissione con influenza.

Lo studio ha identificato una tendenza preoccupantesi ulteriore - appena 14 per cento delle loro madri erano stati vaccinati contro influenza stagionale.

L'autore senior di carta, il professor Elizabeth Elliott, ha detto che i tre fattori di rischio principali documentati nello studio erano l'esposizione al tabagismo, ammucchiatura della famiglia e tariffe basse della vaccinazione della famiglia contro influenza.

“Il più grande fattore di rischio che documentassimo era contatto vicino con altri bambini piccoli (unvaccinated) nella famiglia, contribuente a 46 per cento dei casi,„ ha detto.

“L'altro fattore di rischio significativo era che molti bambini stavano vivendo con almeno un fumatore nella famiglia, contribuente a 36 per cento dei casi.„

Gli autori di studio hanno notato il numero delle persone per famiglia nei bambini afflitti erano la doppia media dello stato, così sovraffollante erano egualmente evidenti in bambini che contrattano la malattia.

“Il nostro studio ha identificato i nuovi e dati significativi per quanto riguarda influenza in infanti al di sotto di sei mesi dell'età e suggerisce che la malattia e le complicazioni in questa più vulnerabile dei gruppi potrebbero essere diminuite ottimizzando le tariffe della vaccinazione nella famiglia e minimizzando l'esposizione ad altre persone infettate, fumo della sigaretta e sovraffollare,„ il professor Elliott ha detto.

“Gli infanti sotto sei mesi sono particolarmente suscettibili della malattia severa di influenza, non hanno immunità alla malattia e sono ineleggibili per la vaccinazione.

“I giovani infanti hanno invecchiato i mesi <6 rappresentati circa un terzo delle ammissioni di influenza all'ospedale pediatrico a Westmead nel 2007, in modo da questo è un gruppo particolarmente vulnerabile.„

Co-author di carta, il professore associato Yvonne Zurynski ha detto che i bambini nelle impostazioni di puericultura hanno avuti le più alte tariffe di influenza, con i tassi annuali fra 20 e 30 per cento del gruppo d'età che è commovente.

“I bambini nelle impostazioni di assistenza all'infanzia sono trasmettitori efficienti di influenza ad altri membri della famiglia compreso i loro molto più giovani fratelli germani infantili che non hanno immunità. C'è un'esigenza, quindi, di strategie molto più efficaci di prevenzione in questo gruppo.

“Il nostro messaggio ai genitori è prego vaccina tutta la vostra famiglia contro influenza stagionale per proteggere il più giovane e più vulnerabile nella vostra famiglia. Non dimentichi che il vaccino antiinfluenzale è raccomandato per le donne incinte anche.„