Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Ancora nessuna prova per le cause del Morbo di Alzheimer giocando a calcio, malgrado il regolamento del NFL

Malgrado il regolamento $765 milioni del NFL con i giocatori pensionati, non ancora c'è prova scientifica credibile che giocar a calcioe causa il Morbo di Alzheimer o altri disordini neurologici, secondo il neuropsicologo clinico Christopher Randolph, PhD del Centro Medico Di Loyola, che ha pubblicato gli studi multipli sull'argomento.

“La causa non è un'emissione scientifica, è un legale e questione politica,„ Randolph ha detto. “Ci sono dati scientifici assolutamente non credibili per suggerire un aumento del rischio neurologico dal gioco del calcio professionistico.„

Nell'ambito del regolamento sperimentale, il NFL pagherebbe fino a $5 milioni ogni giocatore che ha il Morbo di Alzheimer e fino a $4 milioni per ogni morte dall'encefalopatia traumatica cronica (CTE). Ma uno studio recente da Randolph e dai colleghi dei giocatori di football americano pensionati del NFL non ha trovato prova che CTE anche esiste. Lo studio è stato pubblicato nel Giornale della Società Neuropsicologica Internazionale.

Randolph ha detto che non ci corrente sono dati conclusivi che si sono ritirati i giocatori del NFL soffrono una neuropatologia unica. CTE è uno stato vago, senza i criteri clinici stabiliti ed i criteri patologici non coerenti per diagnosticarlo. E gli studi recenti hanno trovato che i giocatori del NFL hanno tassi di mortalità globali che sono soltanto metà delle tariffe previste basate sopra gli uomini nella popolazione in genere. Le tariffe di Suicidio sono soltanto circa 40 per cento delle tariffe nella popolazione in genere.

“Ancora non conosciamo se i giocatori del NFL hanno un rischio aumentato di disordini neurodegenerative di tardi-vita,„ Randolph abbiamo detto. “Se c'è un rischio, probabilmente non è un grande rischio. E non c'è essenzialmente prova per supportare l'esistenza di tutto il disordine clinico unico quale CTE.„

Sorgente: Centro Medico di Loyola