Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I media e le comunità in linea sociali possono migliorare i comportamenti di salubrità fra gli uomini a rischio del HIV

Il 3 settembre pubblicato studio del UCLA negli annali pari-esaminati del giornale di medicina interna dimostra che un approccio che la scienza comportamentistica delle associazioni con i media e le comunità in linea sociali può piombo ai comportamenti migliori di salubrità fra gli uomini a rischio di infezione HIV. All'l'approccio basato a prova non solo piombo la prova aumentata del HIV ed ha incoraggiato il cambiamento comportamentistico significativo fra i gruppi ad alto rischio ma anche rivelato essere uno di migliori approcci di prova e di HIV-prevenzione su Internet, secondo il principale inquirente dello studio, Sean D. Young, un assistente universitario della medicina di famiglia e Direttore di innovazione al centro per la medicina di dipendenza e di comportamento alla scuola di medicina di David Geffen al UCLA.

Ed è non solo applicabile agli sforzi di prevenzione del HIV, lui ha notato.

“Abbiamo trovato i simili effetti per salubrità generale e benessere,„ ha detto il giovane, che è egualmente un membro dell'istituto dell'AIDS del UCLA. “Poiché il nostro approccio combina la psicologia comportamentistica con le tecnologie sociali, questi metodi potrebbero essere usati per cambiare i comportamenti di salubrità attraverso varie malattie.„

In uno studio più iniziale, pubblicato a febbraio ed anche piombo dai giovani, i ricercatori hanno trovato che i media sociali potrebbero essere utili in HIV e negli sforzi di STD-prevenzione aumentando le conversazioni circa la prevenzione del HIV.

Per lo studio corrente, i ricercatori hanno reclutato 112 uomini che fanno sesso con gli uomini attraverso gli annunci dell'insegna collocati sui siti della rete sociale come Facebook, attraverso una pagina del ventilatore di Facebook con informazioni di studio, tramite gli annunci dell'insegna ed i paletti su Craigslist e dalle sedi quali le barre, i banchi, le palestre e le organizzazioni della comunità in Los Angeles. Dei partecipanti, 60 per cento erano afroamericani, 28 per cento erano latino, 11 per cento era bianco e 2 per cento erano Asiatico-Americani.

Gli uomini sono stati definiti a caso ad uno di due gruppi di discussione di Facebook - un gruppo di intervento del HIV o un gruppo di salubrità generale (con il servizio posteriore come controllo nello studio). Ogni partecipante poi è stato definito a caso a due “guide del pari„ all'interno del loro gruppo. Le guide del pari hanno comunicato con i partecipanti inviando i messaggi, le chiacchierate ed i paletti della parete. Oltre alla conversazione generale, le guide del pari per il gruppo del HIV hanno discusso la prevenzione e la prova del HIV, mentre quelle nel gruppo di controllo hanno comunicato circa l'importanza di esercitazione, del cibo giusto e del mantenimento dello stile di vita di basso sforzo.

Mentre gli uomini erano nell'ambito di nessun obbligo impegnarsi con le guide del pari o altri partecipanti o anche rimanere membri dei loro rispettivi gruppi di Facebook, gli autori hanno trovato che i partecipanti altamente sono stati impegnati e partecipazione attiva mantenuta durante lo studio di 12 settimane.

In tutto lo studio, gli uomini potevano richiedere e ricevere i kit da casa di auto-prova del HIV. Al riferimento ed ancora dopo 12 settimane, i partecipanti hanno completato un'indagine di 92 punti che domande incluse circa loro Internet ed uso di media del sociale (compreso se hanno discusso la salubrità e comportamenti sessuali di rischio), i loro comportamenti di salubrità generale (esercizio compreso e nutrizione) ed il loro sesso e comportamenti sessuali di salubrità (prova compresa e trattamento del HIV).

Tra l'altro, i ricercatori hanno cercato la prova di cambiamento comportamentistico - quali le riduzioni del numero dei partner sessuali - e delle richieste per i kit da casa del test HIV, con seguiti ottenere i risultati dei test.

Fra i risultati:

  • 95 per cento dei partecipanti del gruppo di intervento hanno comunicato volontariamente su Facebook, come hanno fatto 73 per cento dei comandi.
  • 44 per cento (25 di 57) dei membri del gruppo di intervento hanno richiesto i kit difficili, rispetto a 20 per cento (11 di 55) dei comandi.
  • Nove dei 57 partecipanti del gruppo di intervento hanno catturato la prova e rispedito i kit della prova per ricevere i loro risultati, rispetto a due dei 55 membri del gruppo di controllo, suggerendo una maggior probabilità che l'approccio può con successo piombo uno per catturare un test HIV.
  • I membri del gruppo di intervento hanno chiacchierato ed inviato i messaggi personali con frequenza molto più alta dei membri del gruppo di controllo.
  • Gli uomini del latino e dell'afroamericano che fanno sesso con gli uomini, che sono all'elevato rischio per essere infettati con il HIV hanno paragonato al resto della popolazione, reti sociali del ritrovamento per essere una piattaforma accettabile per gli afroamericani ed i latini di prevenzione del HIV. egualmente trovano le prove da casa per essere un metodo di collaudo accettabile del HIV.

Inoltre, gli autori hanno trovato che la conservazione a seguito era più di 93 per cento, contrariamente agli alti tassi di marginalità da altri a interventi basati a Internet di HIV-prevenzione.

“Gli interventi di HIV-prevenzione di Internet e le applicazioni mobili di salubrità hanno avuti i tassi di marginalità molto alti e problemi che ottengono la gente impegnata e questo effetto è ancor più pronunciato fra i gruppi ad alto rischio quali le popolazioni di minoranza ed uomini che fanno sesso con gli uomini,„ Young ha detto. “Tuttavia, il nostro approccio è sembrato sormontare queste emissioni e piombo a comportamento variabile.„

I ricercatori hanno notato alcune limitazioni allo studio, fra loro il fatto che hanno usato soltanto due comunità di Facebook per circostanza; questi metodi dovrebbero essere provati con più gente prima di applicarle, hanno detto. Inoltre, nessun best practice per quanto riguarda l'uso di rete sociale per la comunicazione del HIV è stato stabilito.

Il punto seguente sarà di valutare come questo metodo potrebbe generalizzare ad altri popolazioni, malattie e sforzi di prevenzione, Young ha detto.

“Abbiamo creato un paradigma potenziale per il cambiamento di comportamento di salubrità facendo uso di nuove tecnologie sociali,„ ha detto. “Stiamo cominciando ad esplorare questo approccio in altre aree.„ I co-author di studio erano William il G. il Cumberland, Cantato-Jae Lee, Devan Jaganath, Greg Szekeres e Thomas Coates, tutto il UCLA.