Nuovo studio per diminuire gli effetti collaterali indesiderati di radioterapia

Gli scienziati dall'università di Manchester piombo un nuovo studio europeo per fornire i metodi diminuire gli effetti collaterali indesiderati della radioterapia e migliorare il trattamento del cancro.

La ricerca, costituita un fondo per l'Unione Europea e facendo partecipare 13 istituzioni nel Regno Unito, la Francia, la Germania, il Belgio, l'Italia, la Spagna, i Paesi Bassi e gli Stati Uniti, identificherà i modi predire quali malati di cancro del petto, della prostata e del polmone sono più probabili da soffrire gli effetti secondari a lungo termine.

Questi risultati poi saranno usati per progettare le prove che provano se potere adeguare a più specialmente il trattamento del cancro le persone in moda dagli effetti secondari peggiori di radiazione - quale l'incontinenza della vescica o delle viscere può essere evitato.

C'è la gente 17.8million che vive nell'Unione Europea con una diagnosi di cancro e sette milioni di questa gente potrebbero ricevere la radioterapia - un trattamento che comprende l'uso di radiazione ad alta energia uccidere le cellule tumorali.

A lungo termine intorno 20% di quelli che soffrono con delicato agli effetti collaterali severi - 1,4 milione di persone - potrebbe trarre giovamento dai miglioramenti che lo studio porta.

Il professor Catharine West, professore di radiobiologia all'università di istituto di Manchester delle scienze del Cancro che piombo lo studio di £5million, ha detto: “Gli effetti collaterali a lungo termine della radioterapia urtano sulla qualità di vita dei superstiti del cancro.

“Il lavoro più in anticipo ha identificato i preannunciatori clinici e biologici ma più lavoro e un migliore approccio coordinato è necessario convalidare questi risultati in moda da poterli utilizzare essi in ospedali quando curi i pazienti.

“Lo studio, conosciuto come RICOMPENSA, mira a sviluppare i nuovi modelli clinici ed ad incorporare i biomarcatori per identificare, prima del trattamento, i malati di cancro a rischio degli effetti collaterali. Possiamo poi usare questi modelli per progettare le prove interventional puntate su diminuendo gli effetti collaterali e migliorando la qualità dell'assistenza nei superstiti del cancro che subiscono la radioterapia.„

Lo studio quinquennale, che ottiene il mese prossimo in corso, è la prima concessione principale estratta dai membri del consorzio di Radiogenomics, una collaborazione installata nel 2009 per lavorare ai progetti che identificano le variazioni genetiche comuni che influenzano la probabilità di un malato di cancro di sviluppare gli effetti collaterali dalla radioterapia. RICOMPENSI comprende uno studio d'osservazione quadriennale dei malati di cancro che subiscono la radioterapia attraverso Europa, Stati Uniti e nel Regno Unito, includente

La fiducia delle fondamenta di Christie NHS. I pazienti vogliono ogni elasticità un campione di sangue, da cui il DNA sarà estratto e genotyped per identificare la variazione genetica. Gli scienziati possono poi esaminare questa variazione in termini di effetti secondari sperimentati dal paziente ed usare questi informazioni per confermare e/o migliorare i modelli correnti che provano a predire la risposta di un paziente alla radioterapia.
In futuro questo tipo di ricerca ha potuto diminuire gli effetti secondari per tutti i pazienti della radioterapia, migliora la qualità di vita e potenzialmente aumenta il numero dei pazienti curati con successo per il loro cancro.

Il professor West, che fa parte egualmente del centro di ricerca sul cancro di Manchester, di un'associazione fra l'università di Manchester, del Christie e della ricerca sul cancro Regno Unito, aggiunto: “La radioterapia può nuocere ai tessuti normali sani che causa gli effetti collaterali, più è migliorare di breve durata in alcuni giorni o settimane del trattamento e potrebbe comprendere l'interfaccia irritata, la stanchezza e la perdita di capelli ma alcune possono comparire mesi agli anni che seguono il trattamento.
“Gli effetti collaterali possono avere un impatto a lungo termine su qualità di vita come se la gente ritiene incapace di lasciare le loro case per paura dell'incontinenza.„

Il Dott. Susan Davidson eseguirà lo studio al Christie. Il Dott. Davidson ha detto: “La ricerca giocherà uno scopo di ruolo a lungo termine per fare il trattamento del cancro di più personale alle persone. Questo studio dovrebbe significare che quello in medici futuri può esaminare i biomarcatori di un paziente catturando un'analisi del sangue e progettare di conseguenza il loro trattamento.
“Cominceremo a reclutare i pazienti a questo studio quando si apre nell'aprile 2014.„

Il professor West ha aggiunto: “Questo fuoco su medicina personale è una delle cose che chiave il nuovo centro di ricerca sul cancro di Manchester sta funzionando duro per fare - riunire una vasta gamma di competenza per rivoluzionare il trattamento del cancro. Collaborando con i partner dello specialista Europa ed in Stati Uniti, questo studio saremo il più grande del suo genere e dovremmo fornire la più chiara maschera eppure circa come la gente differente risponde alla radioterapia.„

L'università di gruppo di Manchester funzionerà con il Dott. Chris Talbot dall'università di Leicester che è il cavo del progetto di delegato.

Il Dott. Talbot ha detto: “Spero che il progetto costruisca un modello statistico, compreso i dati biologici dell'indicatore, per predire quali pazienti con il polmone, il petto o i carcinoma della prostata sono a rischio degli effetti collaterali negativi seri alla radioterapia.

“Questa è un'area importante perché poichè la sopravvivenza da cancro aumenta più gente sta vivendo con gli effetti secondari del trattamento. Qualche cosa che possiamo fare per abbassare gli effetti secondari personalizzando il trattamento alla persona ha il potenziale di migliorare la qualità di vita per i superstiti del cancro.

“In futuro, trattamenti del cancro sarà ottimizzato per ogni persona ed il loro tumore particolare, di modo che la sopravvivenza è ottimizzata e gli effetti secondari sono minimizzati.„

Citations

Please use one of the following formats to cite this article in your essay, paper or report:

  • APA

    The University of Manchester. (2019, June 20). Nuovo studio per diminuire gli effetti collaterali indesiderati di radioterapia. News-Medical. Retrieved on October 20, 2019 from https://www.news-medical.net/news/20130912/New-study-to-reduce-unwanted-side-effects-of-radiotherapy.aspx.

  • MLA

    The University of Manchester. "Nuovo studio per diminuire gli effetti collaterali indesiderati di radioterapia". News-Medical. 20 October 2019. <https://www.news-medical.net/news/20130912/New-study-to-reduce-unwanted-side-effects-of-radiotherapy.aspx>.

  • Chicago

    The University of Manchester. "Nuovo studio per diminuire gli effetti collaterali indesiderati di radioterapia". News-Medical. https://www.news-medical.net/news/20130912/New-study-to-reduce-unwanted-side-effects-of-radiotherapy.aspx. (accessed October 20, 2019).

  • Harvard

    The University of Manchester. 2019. Nuovo studio per diminuire gli effetti collaterali indesiderati di radioterapia. News-Medical, viewed 20 October 2019, https://www.news-medical.net/news/20130912/New-study-to-reduce-unwanted-side-effects-of-radiotherapy.aspx.