Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Gli enzimi metabolici in papavero indiano sono usati per produrre le droghe antidolorifiche apprezzate

L'università di scienziati di Calgary ha scoperto gli enzimi metabolici nel papavero indiano che svolgono “i ruoli diffusi„ nel permettere all'impianto di preparare la morfina antidolorifica e la codeina ed in altri composti importanti.

La scoperta, dalla figliata di Scott del ricercatore Peter Facchini dell'università e dello studente di PhD, comprende la prima reazione biochimica del suo genere riferito mai in impianti, che possono anche accadere nei papaveri di giardino-varietà ed in altri impianti.

La loro ricerca, pubblicata questa settimana come notizia da copertina nel giornale della biochimica, fa luce su come il papavero indiano - la sola sorgente del mondo degli antidolorifici apprezzati - ha evoluto la capacità di fare la morfina ed altra composti.

“Le funzioni di cui abbiamo pensato erano geni realmente specifici ed enzimi in questione nella biosintesi della morfina sono realmente molto più vaste,„ dice Facchini, professore delle scienze biologiche nella facoltà di scienza ed internazionalmente - in un esperto di fama sul papavero indiano.

Nel 2010, il laboratorio di Facchini ha riferito la scoperta di due geni unici e gli enzimi che codificano, che permettono al papavero indiano di sintetizzare la morfina e la codeina.

Gli enzimi sono molecole di proteina - catalizzatori altamente selettivi che accelerano sia la tariffa che la specificità delle reazioni metaboliche.

La nuova individuazione mostra che questi enzimi in papavero indiano, con un terzo enzima scoperto da U del laboratorio di C, “abbia questi ruoli inattesi e diffusi,„ Facchini dice.

“Ci sono più rami del metabolismo relativo dell'alcaloide che piombo a molti composti differenti che hanno beni biologici farmacologici ed importanti differenti in papavero indiano.„

Le nuove comprensioni potrebbero permettere alle ditte farmaceutiche di manipolare la via biochimica e creare le varietà del papavero indiano che producono i livelli elevati delle droghe specifiche, quali la codeina o la morfina, Facchini dice.

La codeina è di gran lunga il narcotico più ampiamente usato nel mondo ed in quello degli antidolorifici più comunemente usati.

La codeina può essere estratta direttamente dal papavero indiano, sebbene la maggior parte dell'antidolorifico chimicamente sia sintetizzato dalla morfina molto più abbondante trovata nell'impianto.

I canadesi spendono più di $100 milioni all'anno sui prodotti farmaceutici codeina-contenenti e sono fra i consumatori superiori del mondo della droga per capita.

Sospetto di figliata e di Facchini che le reazioni che biochimiche hanno scoperto egualmente accadono in specie del papavero di giardino-varietà relative al papavero indiano come pure in altri impianti.

“La differenza fra gli impianti relativi, in termini di loro capacità di preparare o non preparare la morfina, ha potuto soltanto essere l'attività di singolo enzima,„ note di Facchini.

In caso affermativo, può finalmente essere possibile manipolare le vie metaboliche in moda da potere produrre altri impianti - o persino lievito ed i batteri - la morfina, la codeina o la tebaina, un composto “intermedio„ ottenuto soltanto dal papavero indiano ed usato per fare il oxycodone della droga dell'antidolorifico.

Tuttavia, le società che cercano alla biochimica del papavero indiano “del ritocco„ dovrebbero essere prudenti, Facchini dice, perché le vie metaboliche relative producono i composti con attività antimicrobica destinata per proteggere l'impianto.

“Se state andando continuare a contare su questo impianto come “sistema di droga produzione„ ed ad applicare le soluzioni tecnologiche a migliorare le varietà, capite meglio completamente la biochimica,„ Facchini dice.

La figliata ha passare i tre anni ultimi che disfanno le reazioni biochimiche, eseguenti (" l'analisi in vitro della provetta ") su molti composti facendo uso della strumentazione avanzata di spettrometria di massa.

Egualmente ha usato una tecnica chiamata da gene indotto da virus che fa tacere essenzialmente per tramortire la morfina dei geni e chefa gli enzimi, che hanno confermato i loro ruoli diffusi nelle funzioni fisiologiche del papavero indiano.

Prima di questa scoperta, la sola simile reazione biochimica riferita nella letteratura scientifica è un enzima umano che suddivide l'estasi della droga illegale, sebbene l'enzima stesso ancora non sia stato identificato.

La figliata ora sta studiando altre 20 specie dell'impianto geneticamente ordinate dal laboratorio di Facchini, per determinare se la reazione biochimica egualmente si presenta in questi impianti.