I ricercatori dell'Università di Tel Aviv trovano che i prodotti chimici in marijuana potrebbero contribuire a curare il MS

La sclerosi a placche è una malattia infiammatoria in cui il sistema immunitario attacca il sistema nervoso. Il risultato può essere una vasta gamma di motore debilitante, di fisico medica e di problemi mentali. Nessuno sa perché la gente ottiene la malattia o trattarla.

In un nuovo studio pubblicato nel Giornale di Farmacologia di Neuroimmune, DRS. Ewa Kozela, Ana Juknat, Neta Rimmerman e Zvi Vogel del Dott. Miriam e Sheldon G. Adelson Center dell'Università di Tel Aviv per la Biologia delle Malattie Inducenti Al Vizio e la Facoltà di Sackler di Medicina dimostrano che alcuni composti chimici trovati in marijuana possono contribuire a trattare le malattie del tipo di sig.ra in mouse impedendo l'infiammazione nel cervello e nel midollo spinale.

“L'Infiammazione fa parte della risposta immunitaria naturale dell'organismo, ma nei casi come il MS esce della mano,„ dice Kozela. “Il Nostro studio esamina come i composti isolati da marijuana possono essere usati per regolamentare l'infiammazione per proteggere il sistema nervoso e le sue funzioni.„ I Ricercatori dall'Istituto di Weizmann di Scienza co-hanno creato lo studio.

Risultati Psicotropi

L'Israele ha una forte tradizione della ricerca della marijuana. Raphael Mechoulam e Yechiel Gaoni Israeliano degli scienziati ha scoperto nel 1964 THC, o il tetrahydrocannabinol, lanciante lo studio scientifico dell'impianto e dei sui componenti chimici intorno al mondo. Da allora, gli scienziati hanno identificato circa 70 composti - cannabinoidi chiamati - che sono unici alla cannabis ed hanno effetti biologici interessanti. Negli anni 90, Prof. Vogel era fra i primi ricercatori per descrivere i endocannabinoids, molecole che agiscono come THC nell'organismo.

Oltre a THC, il cannabinoido più abbondante e più potente in marijuana è cannabidiol, o CBD. I ricercatori di TAU sono particolarmente interessati in CBD, perché offre i vantaggi medicinali senza gli effetti psicotropi discutibili di THC.

In uno studio 2011, hanno indicato che le guide di CBD trattano i sintomi del tipo di sig.ra in mouse impedendo alle celle immuni nei loro organismi di trasformare e di attaccare i coperchi d'isolamento delle cellule nervose nel midollo spinale. Dopo l'induzione del termine del tipo di sig.ra in mouse - parzialmente paralizzando i loro arti - i ricercatori li hanno iniettati con CBD. I mouse hanno risposto riacquistando il movimento, in primo luogo tirando le loro code e poi cominciando a camminare senza un molle. I ricercatori hanno notato che i mouse trattati con CBD hanno avuti molto meno infiammazione nel midollo spinale che le loro controparti non trattate.

Grandi speranze per gli esseri umani

Nell'ultimo studio, i ricercatori hanno precisato per vedere se i beni antinfiammatori conosciuti di CBD e di THC potessero anche applicarsi al trattamento di infiammazione connesso con il MS - ed in caso affermativo, come. Questa volta si sono girati verso il sistema immunitario.

I ricercatori hanno catturato le celle immuni isolate dai mouse paralizzati che specificamente l'obiettivo e nuoce al cervello ed al midollo spinale e li ha trattati con CBD o THC. In entrambi i casi, le celle immuni hanno prodotto meno molecole infiammatorie, specialmente una chiamata interleuchina 17, o IL-17, che è associato forte con il MS e molto nocivo alle cellule nervose ed ai loro coperchi d'isolamento. I ricercatori hanno concluso che la presenza di CBD o di THC reprime le celle immuni dall'avviamento della produzione delle molecole infiammatorie e limita la capacità delle molecole di raggiungere e danneggiare il cervello ed il midollo spinale.

Ulteriore ricerca è necessaria provare l'efficacia dei cannabinoidi nella cura del MS in esseri umani, ma ci sono ragioni per speranza, i ricercatori dicono. In molti paesi, CBD e THC già sono prescritti per il trattamento dei sintomi del MS, compreso dolore e rigidezza del muscolo.

“Una Volta usato saggiamente, la cannabis ha potenziale enorme,„ dice Kozela, che precedentemente ha studiato i narcotici come morfina, derivato dall'impianto del papavero. “Stiamo cominciando appena a capire come funziona.„

Sorgente: Amici Americani dell'Università di Tel Aviv