Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La droga di Nintedanib per trattare NSCLC è presentata per approvazione dall'Agenzia europea per i medicinali

 Boehringer Ingelheim ha annunciato l'osservazione di un'applicazione di autorizzazione di vendita all'Agenzia europea per i medicinali per l'approvazione del suo nintedanib triplo orale dell'inibitore di angiokinase, congiuntamente a docetaxel, per il trattamento dei pazienti con non piccolo il cancro polmonare localmente avanzato, metastatico o ricorrente delle cellule (NSCLC) dell'istologia del tumore dell'adenocarcinoma dopo la prima riga la chemioterapia. Nintedanib, una volta aggiunto alla chemioterapia, è il primo trattamento del cancro del polmone che la sopravvivenza paziente estesa oltre un anno in una vasta popolazione dei pazienti dell'adenocarcinoma, dopo la chemioterapia iniziale aveva venuto a mancare.

“Migliorare il resti delle vite dei pazienti alla prima linea dell'impegno di Boehringer Ingelheim a prova ha basato il progresso nel trattamento di cancro.„ prof. detto Klaus Dugi, medicina corporativa di vicepresidente senior, Boehringer Ingelheim. “Siamo fieri che il nintedanib, un composto dal nostro programma di ricerca innovatore dell'oncologia, è il secondo composto nel nostro portafoglio da file con l'Agenzia europea per i medicinali.„

Il cancro polmonare causa più morti che qualunque altri cancro e soltanto circa su sei pazienti sopravvivono a 5 anni dalla diagnosi. Denocarcinoma è il tipo più comune di cancro polmonare e più di due terzi dei pazienti sono diagnosticati in una fase recente quando il trattamento curativo non è più fattibile. Infine, tutti i pazienti con l'adenocarcinoma avanzato progrediranno e richiederanno il trattamento del secondo line.

La domanda di autorizzazione di vendita di UE di approvazione di nintedanib* è basata sull'internazionale, la prova alla cieca, prova del LUME-Polmone 1 di fase III, che era la prima prova per mostrare un vantaggio di sopravvivenza di un trattamento aggiunto in una seconda riga generale popolazione paziente dell'adenocarcinoma contro un comparatore attivo (standard-de-cura/chemioterapia). In questa prova nei pazienti avanzati di NSCLC, la combinazione di nintedanib* più docetaxel ha dimostrato una sopravvivenza senza progressione prolungata statisticamente significativa (PFS), contro placebo (3,4 contro 2,7 mesi, rispettivamente) indipendentemente dall'istologia del tumore, riducente il rischio di crescita rinnovata del tumore di 21%.

La sopravvivenza globale è stata prolungata significativamente nei pazienti dell'adenocarcinoma curati con nintedanib più docetaxel contro placebo più docetaxel (12,6 contro 10,3 mesi rispettivamente).  I risultati hanno dimostrato che i pazienti con l'adenocarcinoma che hanno venuto a mancare il trattamento iniziale con la chemioterapia hanno ricevuto in media un'estensione di 20% della sopravvivenza globale. Inoltre, i dati hanno dimostrato che i pazienti più in anticipo dell'adenocarcinoma hanno venuto a mancare la prima riga la chemioterapia, più grande il nintedanib del vantaggio fornito, come pazienti che hanno progredito entro 9 mesi (mesi T<9) dopo l'inizio del loro trattamento prima linea, hanno raggiunto un vantaggio globale mediano di sopravvivenza di 3 mesi (10,9 contro 7,9 mesi).

I risultati di prova hanno mostrato i pazienti tratti giovamento dall'efficacia supplementare di nintedanib senza più ulteriormente urtare la loro qualità di vita. Gli eventi avversi più comuni (AEs) in LUME-Polmone 1 erano effetti secondari gastrointestinali ed elevazioni reversibili degli enzimi del fegato che erano trattabili tramite riduzione complementare della dose o del trattamento (nintedanib avverso di eventi contro placebo: nausea 24% contro 18%, vomitando 17% contro 9%, diarrea 42% contro 22% ed elevazione degli enzimi del fegato 29% contro 8%). Il ritiro dovuto gli eventi avversi era simile in entrambe le armi, come era grado 3, sanguinare o gli eventi thromboembolic.

Nintedanib è un inibitore triplo orale di angiokinase che mira ai tre ricevitori fondamentalmente in questione nell'angiogenesi e nella crescita del tumore.

Boehringer Ingelheim si adopera mettere a disposizione il nintedanib* dei pazienti intorno al mondo. Ulteriori osservazioni universalmente pianificazione.

Source:

Boehringer Ingelheim