Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo Studio non trova associazione pertinente fra il livello del siero di Vitamina D e l'incidenza di calcoli renali

I livelli Aumentati di vitamina D possono impedire una vasta gamma di malattie, secondo gli studi recenti. Tuttavia, alcuni studi precedenti piombo ad una preoccupazione che il completamento di vitamina D potrebbe aumentare il rischio di una persona di sviluppare i calcoli renali.

Tuttavia, uno studio di 2.012 partecipanti - pubblicati nel Giornale Americano della Salute pubblica - non ha trovato associazione statisticamente pertinente fra 25 il hydroxyvitamin la D ((l'OH) D) livello del siero 25 nell'ordine di 20 - 100 ng/mL e dell'incidenza dei calcoli renali.

Questo studio - piombo da Cedric F. Garland, DrPH, il professor dell'aggiunta nella Divisione di Epidemiologia, nel Dipartimento della Famiglia e nella Medicina Preventiva all'Università di California, Scuola di Medicina di San Diego - dati usati dall'organizzazione senza scopo di lucro GrassrootsHealth di promozione di salute pubblica per seguire più di 2.000 uomini e donne di tutte le età per 19 mesi.

Soltanto 13 persone auto-hanno riferito una diagnosi del calcolo renale durante lo studio.

“Le Prove crescenti indicano che un livello del siero di Vitamina D nell'intervallo terapeutico di 40 - 50 ng/mL è necessario per riduzione sostanziale del rischio di molte malattie, compreso il petto ed il cancro colorettale,„ hanno detto la Ghirlanda, aggiungente che questo livello del siero generalmente è raggiunto soltanto catturando i supplementi della vitamina. “I Nostri risultati possono diminuire le preoccupazioni dalle persone circa la cattura dei supplementi di vitamina D, poichè nessun collegamento è stato indicato fra tale completamento e un rischio aumentato per i calcoli renali.„

Lo studio ha indicato che la vecchiaia, il genere maschio e il più alto indice di massa corporea (BMI) erano tutti i fattori di rischio per i calcoli renali di sviluppo. Secondo i ricercatori, le persone con alto BMI hanno bisogno di più alta assunzione di vitamina D che le loro controparti più magre di raggiungere lo stesso livello del siero di 25 (l'OH) D.

Università di California di SORGENTE, San Diego