Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

La nuova droga d'investigazione offre l'opzione potenziale del trattamento per il cancro polmonare

PF-06463922, una droga d'investigazione che è diventata da Pfizer Inc., ha il potenziale di trasformarsi in in una nuova opzione del trattamento per i pazienti che hanno cancro polmonare harboring le anomalie nel gene di ALK, secondo i risultati preclinici presentati qui alla conferenza internazionale di AACR-NCI-EORTC sugli obiettivi e sulla terapeutica molecolari del Cancro, tenuta 19-23 ottobre.

Circa 3 - 5 per cento dei cancri polmonari harbor le anomalie del gene di ALK. Il crizotinib della droga (Xalkori), che blocca l'attività della chinasi proteica di ALK, è stato approvato nell'agosto 2011 dagli Stati Uniti Food and Drug Administration per il trattamento dei pazienti che hanno questi cancri polmonari. Sebbene le risposte robuste a crizotinib siano osservate per i cancri polmonari che harboring le anomalie del gene di ALK, la maggioranza finalmente diventa resistente agli effetti della droga. In molti casi, la resistenza sorge a causa delle mutazioni genetiche in ALK.

“La resistenza alle terapie mirate a quale crizotinib è una sfida importante quando cura i pazienti con il cancro,„ ha detto Tod Smeal, il Ph.D., ricercatore del socio nell'unità di ricerca dell'oncologia a Pfizer Inc. al nostro scopo di San Diego, California “è di approfittare di tutto che avessimo imparato circa progettare le droghe che le chinasi dell'obiettivo gradiscono ALK ed i modi in cui i cancri polmonari diventano resistenti a crizotinib per sviluppare il migliore inibitore di prossima generazione di ALK potessimo.

“I nostri studi preclinici suggeriscono che stiamo realizzando i progressi verso il raggiungimento del nostro scopo: PF-06463922 ha attività d'inibizione potente, è capace di inibizione di tutti i mutanti crizotinib-resistenti di ALK finora individuati in pazienti e può accedere efficientemente al cervello. Siamo eccitati circa questi risultati preclinici e molto promettente che tradurranno in risposte significative nella clinica.„

Dopo con attenzione la progettazione del PF-06463922, Smeal ed i colleghi in primo luogo hanno indicato nelle analisi delle cellule che potente ha inibito l'attività di ALK e tutti e otto le dei moduli mutanti di ALK conosciuto per causare la resistenza a crizotinib in pazienti con il cancro polmonare. Poi hanno indicato che PF-06463922 ha inibito la crescita dei tumori che harboring tre dei mutanti crizotinib-resistenti di ALK, compreso il mutante di ALK più resistente, G1202R, in mouse.

Ulteriore analisi ha indicato che PF-06463922 ha entrato prontamente nei cervelli dei mouse, dei ratti e dei cani. In mouse, i livelli di PF-06463922 nel cervello erano 20-30 per cento dei livelli di PF-06463922 nel sangue. Ciò è potenzialmente clinicamente pertinente perché un numero significativo dei malati di cancro del polmone svilupperà la metastasi del cervello nel corso della loro malattia, secondo Smeal, sebbene abbia notato che sarà importante vedere se questi risultati in animali sostengono in esseri umani.

Smeal ed i colleghi egualmente hanno trovato che PF-06463922 potente ha inibito la proteina ROS1, un parente prossimo di ALK recentemente implicato in una serie di tipi del cancro, compreso alcuni polmone e tumori al cervello. Ulteriormente, PF-06463922 ha avuto effetti antitumorali in due modelli del mouse dei cancri determinati dalle anomalie del gene ROS1, piombo i ricercatori suggerire che PF-06463922 avesse potenziale come trattamento per questo sottogruppo di cancri, oltre alla sua promessa come nuovo trattamento per dai i cancri guidati ALK.