Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

I ricercatori descrivono perché i farmaci correnti diminuiscono soltanto moderatamente i sintomi fragili di X

Quando avvertite qualcosa, i neuroni nel cervello inviano i segnali chimici chiamati neurotrasmettitori attraverso le sinapsi ai ricevitori su altri neuroni. Come che il trattamento spieghi determina come comprendete l'esperienza e che comportamenti potrebbero seguire. Nella gente con il sindrome dell'x fragile, un terzo di cui finalmente è diagnosticato con disordine di spettro di autismo, che il trattamento è ostacolato severamente, piombo ai danni intellettuali ed ai comportamenti anormali.

In uno studio pubblicato nel giornale online PLOS UNO, un gruppo dei ricercatori della scuola di medicina di UNC piombo dal neurologo C.J. Malanga, il MD, PhD, descrive una ragione principale perché i farmaci correnti alleviano soltanto moderatamente i sintomi fragili di X. Facendo uso del mouse modella, Malanga ha scoperto che tre droghe specifiche pregiudicano tre generi differenti di ricevitori del neurotrasmettitore che tutte sembrano svolgere i ruoli nel X. fragile di conseguenza, droghe fragili correnti di X hanno limitato il vantaggio perché la maggior parte di loro pregiudicano soltanto un ricevitore.

“Ci probabilmente non sarà un richiamo magico che realmente aiuti la gente con la X fragile,„ ha detto Malanga, un professore associato nel dipartimento della neurologia. “Sta andando catturare le terapie che agiscono tramite i ricevitori differenti per migliorare i loro sintomi comportamentistici e risultati intellettuali.„

Quasi un milione di genti negli Stati Uniti hanno sindrome dell'x fragile, che è il risultato di singolo gene mutato chiamato FMR1. Nella gente senza X fragile, il gene produce una proteina che le guide mantengono la resistenza adeguata della comunicazione sinaptica fra i neuroni. Nella gente con la X fragile, FMR1 non produce la proteina, la connessione sinaptica si indebolisce e c'è una diminuzione nell'input sinaptico, piombo a delicato alle difficoltà di apprendimento severe ed alle emissioni comportamentistiche, quali l'iperattività, l'ansia e la sensibilità allo stimolo, particolarmente al tocco ed al disturbo sensitivi.

Più di due decadi fa, i ricercatori hanno scoperto che - nella gente con i problemi di comportamento e mentali - un ricevitore chiamato mGluR5 non potrebbe regolamentare correttamente l'effetto del neurotrasmettitore, glutammato. Da allora, le ditte farmaceutiche stanno provando a sviluppare le droghe che mirano ai ricevitori del glutammato. “È stato uno scopo provocatorio,„ Malanga ha detto. “Nessuno finora lo ha fatto funzionare molto bene ed i capretti con la X fragile sono stati indicativi di questo.„

Ma ci sono altri ricevitori che regolamentano altri neurotrasmettitori nei simili modi a mGluR5. E ci sono droghe già disponibili per uso umano che agiscono su quei ricevitori. Così il gruppo di Malanga controllato come quelle droghe potrebbero pregiudicare i mouse in cui il gene fragile di X è stato tramortito.

Elettricamente stimolando il cervello specifico gira intorno a, il gruppo di Malanga in primo luogo imparato come i mouse hanno percepito la ricompensa. I mouse hanno imparato molto rapidamente che se stampano una leva, ottengono gratificanti via uno stimolo elettrico delicato. Poi il suo gruppo ha fornito una molecola della droga che agisce sugli stessi circuiti della ricompensa per vedere come le droghe pregiudicano i reticoli di risposta ed altri comportamenti nei mouse.

Il suo gruppo ha studiato una droga che ha bloccato i ricevitori della dopamina, un'altra droga che hanno bloccato i ricevitori mGluR5 e un'altra droga che ha bloccato mAChR1, o M1, ricevitori. Tre tipi differenti di neurotrasmettitori - dopamina, glutammato ed acetilcolina - agiscono su quei ricevitori. E c'erano grandi differenze in quanto sensibile i mouse erano ad ogni droga.

“Risulta, in base al nostro studio e ad uno studio che precedente abbiamo fatto con il mio collega Ben Philpot di UNC, che i mouse fragili di X ed i mouse di sindrome di Angelman sono molto differenti,„ Malanga ha detto. “E come gli stessi prodotti farmaceutici agiscono in questi modelli del mouse di disordine di spettro di autismo è molto differente.„

L'individuazione di Malanga suggerisce che non tutta la gente con la X fragile divida le stesse transenne biologiche. Lo stesso è probabilmente vero, disse, per la gente con altri disordini in relazione con l'autismo, quali la sindrome di Rett e la sindrome di Angelman.

“La X fragile scherza probabilmente ha sensibilità molto differenti ai medicinali prescritti di altri capretti con differenti cause biologiche di autismo,„ Malanga ha detto.