Gli Steroli Vegetali risultano essere migliore colesterolo nella malattia del ` s di Alzheimer

“Gli steroli vegetali Sono presenti in varie combinazioni in dadi, semi ed oli vegetali. Poichè gli steroli vegetali sono gli equivalenti di colesterolo animale, possono nei trattamenti metabolici di influenza principale, dove il colesterolo è implicato,„ Marcus Grimm, Testa spiegato del Laboratorio Sperimentale della Neurologia all'Università di Saarland. “Poiché egualmente abbassano i livelli di colesterolo, sono usati estesamente nell'industria alimentare e come supplementi dietetici.„

i livelli ricchi in colesterolo lungamente sono stati discussi per aumentare il rischio di sviluppare il Morbo di Alzheimer. “Gli Studi già hanno indicato che il colesterolo promuove la formazione di cosiddette placche senili,„ hanno detto Grimm. Queste placche, che sono composte di proteine, specialmente proteine dell'beta-amiloide, il deposito alle cellule nervose all'interno del cervello e sono considerare come una delle cause principali del Morbo di Alzheimer.

Il gruppo di ricerca basato alla città universitaria medica dell'Università di Saarland in Homburg ha collaborato con gli scienziati da Bonn, dalla Finlandia e dai Paesi Bassi per esaminare come gli steroli che ingeriamo l'influenza la formazione di queste proteine della placca. È stato trovato che uno sterolo in particolare, stigmasterolo, realmente ha inibito la formazione proteica. “Lo Stigmasterolo ha un effetto su vari trattamenti molecolari: abbassa l'attività dell'enzima, inibisce la formazione di proteine implicate nello sviluppo del Morbo di Alzheimer ed altera la struttura della membrana cellulare,„ il Dott. spiegato Grimm. “Insieme, questi effetti diminuiscono sinergico la produzione delle proteine dell'beta-amiloide.„ Il gruppo di ricerca ha potuto confermare l'effetto positivo di stigmasterolo nelle prove sugli animali.

In Generale, i ricercatori potevano dimostrare che i vari steroli vegetali influenzano i meccanismi cellulari differenti e quindi devono essere valutati determinato. “Specialmente nel caso del Morbo di Alzheimer, sembra conveniente da mettere a fuoco sull'ingestione dietetica degli steroli vegetali specifici piuttosto che una miscela degli steroli,„ il Dott. spiegato Grimm. Negli studi futuri, il gruppo di ricerca vuole determinare quale altri trattamenti cellulari nel cervello sono influenzati dai phytosterols.

Sorgente: Università di Saarland