Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il nuovo studio trova l'associazione fra OSA e la lesione del miocardio infraclinica

L'apnea nel sonno ostruttiva è conosciuta per essere associata con un'incidenza della malattia cardiovascolare aumentata. Ora un nuovo studio indica che OSA è associato con la lesione del miocardio infraclinica, come indicato dall'alta troponina aumentata T (hs-TnT) della sensibilità livella. I livelli elevati hs-TnT sono premonitori sia della coronaropatia (CHD) che dell'infarto (HF) nella popolazione in genere. Ciò è il primo studio per dimostrare un'associazione indipendente fra la severità dell'apnea nel sonno e questo indicatore della lesione del miocardio iniziale.

“Sebbene OSA sia associato con il rischio cardiovascolare aumentato, un'associazione causale è stata dura da stabilire a causa dell'associazione di OSA con altri fattori di rischio,„ ha detto il ricercatore Amil M. Shah, il MD, MPH, del Brigham e dell'ospedale delle donne a Boston. “Nel nostro studio, potevamo dimostrare che la maggior severità di OSA è associata indipendente con i livelli elevati hs-TnT, suggerenti un ruolo per la lesione del miocardio infraclinica nella relazione fra OSA e infarto.„

I risultati sono stati pubblicati online davanti alla pubblicazione della stampa nel giornale americano della società toracica americana della medicina respiratoria e critica di cura.

Lo studio ha incluso 1.645 di mezza età ed i partecipanti più anziani sia nel rischio di aterosclerosi nelle Comunità che nello studio di salubrità di sonno che erano esenti da CHD e dall'HF al riferimento. Tutti gli oggetti hanno subito il polysomnography domestico di notte. Seguito mediano era di 12,4 anni. La severità di OSA è stata categorizzata come nessuno, delicato, moderato, o severo facendo uso dell'indice analitico respiratorio di perturbazione.

I livelli Hs-TnT, ma non i livelli natriuretic del peptide di pro tipo B terminale di N (un indicatore per lo sforzo ventricolare aumentato della parete), sono stati associati significativamente con OSA dopo adeguamento per 17 confounders potenziali (p=0.02), compreso l'età, genere, indice di massa corporea, stato di fumo, ipertensione, il diabete, ingestione di alcol, variabili polmonari di funzione (FEV1 e FVC), stato di COPD, la pressione sanguigna sistolica, il colesterolo totale, il colesterolo di LDL, il colesterolo di HDL, i trigliceridi, livello dell'insulina ed hanno stimato il grado di filtrazione glomerulare (eGFR). In tutte le categorie della severità di OSA, il hs-TnT è stato collegato significativamente con il rischio di infarto di incidente o di morte e questa relazione era più forte nel gruppo severo di OSA.

Le limitazioni dello studio comprendono la sua progettazione a sezione trasversale, che preclude le conclusioni sulla causalità e un numero limitato dei partecipanti con OSA severo.

“I nostri risultati indicano una relazione fra la lesione del miocardio infraclinica ed il rischio cardiovascolare aumentato veduto in pazienti con OSA,„ ha detto il Dott. Shah. “Il video dei livelli hs-TnT in questi pazienti può avere valore prognostico, specialmente in pazienti con OSA severo.„