Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il miele può essere nocivo per i pazienti con il diabete di tipo 2

Il miele può essere nocivo per i pazienti con il diabete di tipo 2 a causa di grandi quantità di zuccheri che contiene.

Il miele ha vitamine complesse di B che favoriscono il sistema nervoso, la produzione di energia e le unghie, i capelli e l'interfaccia estremamente; ma appena altrettanti tipi di frutta, miele è ricchi in zuccheri semplici, quindi non è consigliabili a coloro che vive con il diabete, poiché potrebbe essere nocivo per la loro salubrità.

Spiegato da Griselda Xóchitl Brito Córdova, nutriologist all'istituto nazionale di nutrizione (INCMNSZ), che ha negato la credenza popolare che il miele potrebbe sostituire lo zucchero ed avvantaggiare coloro che vive con il diabete. Tuttavia, non ha proibito il consumo di questo prodotto dolce, poiché una cucchiaiata di miele può essere ingerita “occasionalmente„ se altri tipi di zuccheri, come quei trovati in frutta, si eliminano dalla dieta quotidiana.

Sappiamo che questo prodotto pricipalmente è costituito dagli zuccheri del glucosio, del laevulose e del monosaccaride, essendo un dolcificante superiore naturale confrontato a quei attualmente disponibili perché contiene gli enzimi che facilitano la digestione.

Brito Córdova egualmente ha spiegato che il miele potrebbe essere nocivo dai livelli aumentanti dei trigliceridi e del grasso, da cui la gente con il diabete di tipo 2 potrebbe essere particolarmente commovente. Questa gente è solitamente obesa o di peso eccessivo, oltre ad essere insulina resistente.

Il ricercatore ha precisato che corrente parecchi dolcificanti artificiali o non calorici sono disponibili, come il potassio della saccarina, dell'aspartame, di sucralosio, del neotame o del acesulfame, con differenti nomi commerciali.

Mentre un dolcificante naturale fornisce 70 calorie per cucchiaiata e quella artificiale contiene un massimo di quattro calorie per pacchetto.

Beni e qualità

Il miele, ha generalmente fra 60 e 100 componenti differenti fra gli enzimi, acidi organici, proteine, vitamine (A, B y C), sostanze dello stimolante che aumentano il processo di attività, di crescita e di digestione nel corpo umano come pure sali del calcio, del sodio, del potassio, del magnesio, del ferro, del cloro, del fosforo, dello zolfo e dello iodio; e, in più piccole quantità, manganese, silicio, alluminio, cromo, boro, rame, litio, nichel, cavo, stagno, titanio, zinco ed osmio.

È consigliabile per il trattamento dell'anemia, perché aumenta i livelli di emoglobina nel sangue ed è egualmente utile nel trattamento delle ulcere gastriche, dei disturbi del rene e delle infezioni di occhio delicate, grazie ai sui beni antibiotici e curativi; inoltre, funge da lassativo leggero, sedativo naturale, fissativo del calcio ed antisettico, essendo le quantità grandi leggermente acide e di possessi di glucosio, che egualmente impedisce la crescita dei batteri.

Tuttavia, il miele non può essere ingerito arbitrariamente. Parli di come ingerirlo ed in quali quantità con il vostro medico.

Source:

National Nutrition Institute