Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Lo stile di vita dei veterani influenza il loro benessere di post-distribuzione

Un nuovo studio nel giornale americano della promozione della salute trova che lo stile di vita dei veterani sia pre- che della post-distribuzione influenza il loro benessere di post-distribuzione.

La ricerca precedente ha indicato che i membri di servizio di Stati Uniti sono solitamente più sani della popolazione in genere. Il nuovo studio indica che il benessere dei veterani è stato associato con i comportamenti modificabili di stile di vita quali attività fisica, addestramento di resistenza, astinenza di fumo e BMI sano. Tuttavia, lo sforzo connesso con distribuzione, particolarmente combattimento, può provocare la salute mentale diminuita, compreso disordine post - traumatico di sforzo (PTSD) e un senso negativo di benessere.

L'autore principale Melissa Bagwell, MPH, con i colleghi al dipartimento della ricerca di salubrità di distribuzione al centro di ricerca navale di salubrità a San Diego, CA, ha utilizzato i dati del questionario di 10.228 veterani che sono servito nell'Irak o Afghanistan, raccolti come componente dello studio di gruppo di millennio. Lo studio di gruppo di millennio, uno studio longitudinale in corso di più di 150.000 partecipanti, è destinato per valutare gli effetti sulla salute a lungo termine di servizio militare, compreso le distribuzioni. È il più grande progetto futuro basato sulla popolazione di salubrità in cronologia militare degli Stati Uniti.

I ricercatori hanno valutato una vasta gamma di fattori che potenzialmente hanno predetto il benessere di post-distribuzione, compreso sia i fattori non modificabili che modificabili. La pre-distribuzione non modificabile scompone incluso in fattori avendo una malattia, i fattori di sforzo di vita, i dati demografici e le caratteristiche militare-specifiche, quali il ramo di servizio e l'occupazione.

La pre-distribuzione modificabile scompone i disturbi in fattori mentali inclusi, auto-riferiti l'altezza e peso e indice di massa corporea (BMI), comportamenti come il fumo e bere, più l'uso di medicina complementare ed alternativa (CAM).

Gli autori hanno concluso quella gente che aveva avvertito il combattimento ed ha avuta giorni più cumulativi di distribuzione ha avuta stato più basso di benessere di post-distribuzione. Tuttavia, gli specialisti di combattimento, indipendentemente da fatto che hanno avvertito il combattimento, avevano aumentato le probabilità del benessere, forse perché sono stati preparati più mentalmente e fisicamente si sono adattati, hanno detto i ricercatori. Inoltre, il personale dell'aeronautica e della marina/guardia costiera era più probabile essere post-distribuzione buona che quelli nell'esercito.

“Gli autori hanno usato lo Studio-un che del gruppo di millennio il grande studio prospettivo del nostro militare-a esamina la pre-distribuzione e fattori di distribuzione che hanno predetto il migliore benessere di distribuzione del paletto,„ ha detto Gregory G. Homish, Ph.D. a State University di New York alla Buffalo.

“Rivolgono una domanda importante della ricerca facendo uso di una fonte dei dati eccellente. D'importanza, considerano parecchie dimensioni del benessere con i fattori di rischio modificabili. Sebbene capire i fattori di rischio non modificabili sia importante, questi fattori ci non danno un'opportunità di identificare le strategie potenziali del trattamento e di prevenzione poichè non possono essere cambiati. Quindi, l'inclusione dei fattori di rischio modificabili in questo studio può fornire i dati che possono potenzialmente essere usati per informare le strategie di prevenzione.„

Source:

American Journal of Health Promotion