Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.

Il ` di nonadherence del trattamento di disordine bipolare ha bisogno della più attenzione'

Da Joanna Lyford, reporter senior dei medwireNews

Più della metà dei pazienti con venire a mancare di disordine bipolare per catturare il loro farmaco come prescritto, uno studio dei ricoverati finlandesi e pazienti esterni ha trovato.

Dato le implicazioni cliniche profonde del nonadherence, gli autori richiedono atteggiamenti dei pazienti' nei confronti del loro farmaco da riflettere molto attentamente.

Un gruppo piombo da Erkki Isometsä (università di Helsinki, di Finlandia) ha analizzato i dati dallo studio bipolare di Jorvi, uno studio d'osservazione di 18 mesi dei pazienti recentemente diagnosticati con disordini bipolare I ed II in tre città finlandesi.

Complessivamente 191 paziente è stato incluso nello studio, di cui intorno un terzo ha ricevuto il trattamento psichiatrico del ricoverato ad un certo punto durante il seguito. Alla conclusione del periodo di 18 mesi, 87,5% ancora stavano ricevendo il trattamento per il loro stato, solitamente nelle impostazioni psichiatriche.

Il più delle volte i medicinali prescritti erano stabilizzatori dell'umore e droghe antipsicotiche atipiche, catturati da quasi 90% dei pazienti; terapia psicosociale anche ricevuta di intorno 70%. Le tariffe della sospensione del trattamento erano alte, a 40,3% e 63,0% per gli stabilizzatori di umore e le droghe antipsicotiche, rispettivamente, di cui 42,7% e 30,0%, rispettivamente, erano le sospensioni autonome che non erano conforme alla pianificazione del trattamento.

l'aderenza Auto-riferita del trattamento a 18 mesi ha differito dal tipo del trattamento, essendo peggiore con gli stabilizzatori dell'umore, il più bene con gli ansiolitici ed il composto intermedio con gli antideprimente e la psicoterapia/terapia complementare.

Le ragioni più comuni per il nonadherence dato dai pazienti erano effetti secondari, mancanza di motivazione e un atteggiamento negativo verso il trattamento particolare. Nell'analisi di regressione logistica, un'istruzione bassa era un preannunciatore significativo del nonadherence agli stabilizzatori dell'umore, con un rapporto di probabilità di circa 4-5, secondo la definizione usata.

Per concludere, i modelli a più variabili hanno trovato che i preannunciatori del nonadherence erano specifici al trattamento. Per esempio, il nonadherence agli antipsicotici è stato preveduto da dipendenza da sostanze, dagli atteggiamenti negativi nei confronti degli antipsicotici e dal disturbo borderline di personalità, mentre il nonadherence agli stabilizzatori dell'umore è stato preveduto dagli atteggiamenti negativi nei confronti degli stabilizzatori dell'umore e del disordine di ansia.

Scrivendo nel giornale dei disordini affettivi, Isometsä ed i colleghi dicono che “i trattamenti farmacologici autonomamente sono stati interrotti da un quarto dei pazienti e del farmaco continuato, un terzo non è stato usato abbastanza regolarmente per fornire un vantaggio.„

Si noti che l'aderenza “dei pazienti' variabile spesso durante il seguito, il gruppo conclude: “l'Non aderenza al trattamento psicosociale è un problema importante e dovrebbe essere prestata più attenzione. Gli atteggiamenti nei confronti dei trattamenti influenzano l'aderenza a tutti i trattamenti e dovrebbero quindi essere riflessi.„

Licensed from medwireNews with permission from Springer Healthcare Ltd. ©Springer Healthcare Ltd. All rights reserved. Neither of these parties endorse or recommend any commercial products, services, or equipment.